Milan, Pioli: ‘Derby importante ma non decisivo. Ibra è un fenomeno. Rebic, Florenzi e Ballo-Touré recuperati’

·5 minuto per la lettura

Il grande momento è alle porte, il Milan vuole vincere il derby per lanciare un segnale forte al campionato. Stefano Pioli presenta i temi più interessanti nella consueta conferenza stampa della vigilia:

SULLE ALTRE GARE SUCCESSIVE ALLA CHAMPIONS SPESSO POSITIVE IN STAGIONE: "Assolutamente sì. La squadra sta bene, è in condizioni ottimali sia fisiche che mentali. È pronta per questo derby".

SUL DERBY E SU IBRAHIMOVIC: "Il derby è sempre il derby, è una partita storica. L'importante è esserci e poi l'importante sarebbe vincerlo. Zlatan è un fenomeno e lo continua a dimostrare in tutto quello che fa. Sta bene, ha trovato una buona condizione. Arriva da un'ottima prestazione contro la Roma, è motivato come tutti i suoi compagni".

SU COSA HA IN PIU' L'INTER: "L'Inter è la favorita perché ha vinto abbastanza nettamente il campionato scorso e sa cosa ci vuole per continuare a vincere. Noi stiamo bene, il campionato è lungo ma è chiaro che l'Inter è una squadra molto forte e compatta".

QUALI SONO I PUNTI DEBOLI DEI NERAZZURRI: "Proveremo a scoprirli domani".

IL MILAN NON VINCE UN DERBY IN CASA DA 5 ANNI, DOMANI PUO' ESSERE UN TENTATIVO DI FUGA: "Prepariamo ogni partita per poterla vincere, pensate come abbiamo preparato questa. L'intenzione è assolutamente quella di vincere. Siamo solo ad inizio campionato, non può essere decisiva per il risultato finale. È una partita importantissima per il nostro ambiente e per il nostro popolo, ma "finisce lì". Non possiamo guardare troppo avanti".

SE AVERE L'ETICHETTA DEI FAVORITI PESA: "Io credo che in queste partite non ci siano favoriti, la classifica non conta più. Nel derby si parte dallo 0-0, avremo uno stadio che ci spingerà e dovremo cercare di giocare con continuità, attenzione e determinanzione. Abbiamo le nostre qualità e ce le vogliamo giocare da inizio a fine partita".

ANDARE A PIU' 10 PUNTI SULL'INTER SAREBBE UN COLPO DA KO: "Il campionato è troppo lungo, pensate al campionato scorso. Abbiamo vinto il derby all'andato, ma è stato determinante, forse, quello del ritorno. Domani è molto sentito e pensiamo a fare bene".

COSA E' CAMBIATO DALLA SCONFITTA PER 3-0 DELL'ANNO SCORSO: "Siamo cambiati noi, sono cambiati loro, hanno cambiato allenatore e hanno cambiato giocatori, prendendone altre importanti. Sono partite difficili da prevedere e da accomunare. Abbiamo il nostro piano e cercheremo di metterlo in campo con grande continuità ed efficacia".

SE E' MEGLIO AFFRONTARE QUESTA INTER O QUELLA DELL'ANNO SCORSO: "Lo dirò domani sera. Hanno qualità tecniche, fisiche e tattiche, giocatori che possono trovare sempre la giocata. Anche noi abbiamo il nostro modo di stare in campo, sulla carta mi aspetto una partita tra le due squadre con i due attacchi che stanno meglio. Difendere molto bene darà la possibilità di risolvere la partita".

SUL NUOVO STADIO: "Proprio ieri ho visto il filmato sul nuovo Bernabeu. Bellissimo, incredibile, pieno di tecnologie e un ambiente che possa accogliere i tifosi nel miglior modo possibile. Sono orgoglioso di far parte di un club che ha queste idee innovative che possano far crescere anche tutto il calcio italiano. San Siro è la storia, il nuovo stadio è il futuro".

SU BROZOVIC E IL BORSINO DEGLI INFORTUNATI: "Brozovic è un giocatore molto importante e dinamico per loro, molto bravo a verticalizzare. È da tenere in considerazione se vogliamo sporcare le loro giocate. Noi dobbiamo cercare di essere una squadra che non aspetta, che prova ad essere aggressiva. Rebic è recuperato, ha fatto gli ultimi due allenamenti con noi. Florenzi anche ha recuperato, Ballo-Touré anche. Messias lo vedremo dopo la sosta".

SULL'ENERGIA POSITIVA: "È credere in noi stessi, giocare con conviznione e con fiducia. Il nostro percorso prosegue da quasi due anni, abbiamo gettato basi importanti che non crolleranno: da qui dobbiamo andare avanti step dopo step. Vogliamo tornare a vincere, in Italia e in Europa, dobbiamo credere nelle nostre qualità e nel nostro modo di interpretare le partite, anche se ovviamente andremo incontro a difficoltà. Crediamo in noi, quando credi in quello che fai devi andare oltre i tuoi limiti".

SE GIOCHERANNO KRUNIC E BALLO: “Le mie scelte le ho già fatte, sono molto convinto. I giocatori le sanno, domani vedrete".

E' LA GARA PIU' IMPORTANTE DA QUANDO ALLENA IL MILAN: "Ne abbiamo giocate tante e ne giocheremo ancora altre. Ci piace affrontarle, ci piace affrontarle col massimo della fiducia e della positività".

SU TONALI IN NAZIONALE: "È un segnale per tutto l'ambiente Milan. Il club ha scelto giocatori forti, i ragazzi stanno facendo bene. Ormai siamo tutti nazionali, è un segnale di crescita. Se vogliamo essere forti dobbiamo avefre giocatori forti, i nostri ragazzi stanno crescendo tanto e possiamo ancora migliorare, con questo atteggiamento arriverà sicuramente altra crescita".

DOVE PUO' CRESCERE ANCORA IL MILAN: "Nel leggere i momenti della partita e capire quando un po' più di furbizia e lucidità non ti fanno cadere in errore. Domani è una partita del livello della Champions, il livello è alto e se fai errori li paghi. Dovremo essere ancora più scaltri e furbi. Stiamo parlando di un gruppo che sta lavorando insieme da un anno e mezzo ma molti sono ragazzi e i ragazzi hanno bisogno anche di commettere errori per crescere".

SU CHI TOGLIEREBBE ALL’INTER - "Non tolgo nessuno, punto sui miei assolutamente. Abbiamo le qualità per fare una partita seria e cercare di vincere".

SUL DISCORSO MOTIVAZIONALE: "Sì, ma lo faccio sempre. Si tratta sempre di capire quali tasti toccare, ma per la partita di domani il mio lavoro non sarà tanto difficile. Quello che ho visto in questi giorni mi fa pensare che sono sul pezzo, motivati e stimolati".

SUL GUSTO PER IL ROCK E COSA LA RAPPRESENTA DI PIU' TRA LE ESPRESSIONI LIVIDI SUI GOMITI E QUESTO NON E' UN SOGNO: "Entrambe le cose. Dobbiamo essere coraggiosi e impavidi. Dobbiamo esserlo e meritiamo di esserlo. Se siamo qui con dieci vittorie e un pareggio lo abbiamo meritato e voluto. Non è un sogno, è la realtà. Ora dobbiamo affrontarla con questa sfrontatezza e cercare di vincere. L'atteggiamento deve essere questo".

COME SI PREPARA IL DERBY: "Devi ovviamente avere una strategia, poi l'aspetto emozionale può fare anche di più la differenza dell'aspetto tattico".

SU COME HA VISSUTO QUESTA SETTIMANA: "Con grande partecipazione, con grande concentrazione. Da preparare con grande cura e attenzione. La preparazione è così concentrata su altre cose che non sto pensando ad altro, ma la mezz'oretta di pre partita allo stadio me la godo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli