Milan, Pioli scuote Piatek: "Deve fare uno sforzo in più"

Stefano Pioli al termine di Milan-Napoli: "Ero sicuro che avremmo fatto una bella gara. Bonaventura? Mi servono giocatori intelligenti come lui".
Stefano Pioli al termine di Milan-Napoli: "Ero sicuro che avremmo fatto una bella gara. Bonaventura? Mi servono giocatori intelligenti come lui".

Milan e Napoli non vanno oltre il pari, ma la squadra di Stefano Pioli ha confermato i piccoli passi avanti visti già nel match contro la Juventus. Soddisfatto l'allenatore rossonero, che ha analizzato la prestazione di alcuni suoi singoli giocatori.


Intervistato ai microfoni di 'Sky Sport', Pioli si mostra felice al fischio finale:

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Ero sicuro che avremmo fatto una bella prestazione. Abbiamo giocato e lottato contro un avversario molto forte, non era facile perchè ci sono anche mancati giocatori importanti. Chi è subentrato lo ha fatto con l’atteggiamento giusto. Peccato non aver fatto un goal in più in situazioni dove per poco la palla non è entrata".

L'ex tecnico di Inter e Lazio chiede tempo per poter lavorare sul gruppo e affinare certi meccanismi fondamentali:

"Per un lavoro concreto e profondo ci vuole tempo. Poi capisco che di tempo non ce n’è mai abbastanza. Mi sta piacendo però l’atteggiamento. La squadra c’è, cominciamo a giocare da squadra e questo mi piace. Con onesta e sincerità dico che 45 giorni sono pochi: se pensiamo ad un inizio stagione, dovremmo essere a metà agosto e sarei contentissimo delle prestazioni della squadra. Purtroppo però non siamo ad agosto, ma a metà dicembre, e da noi ci si aspettano risultati".

Ancora una prestazione da dimenticare per Piatek, che conferma una prima parte di stagione da incubo:

"Ha lavorato tanto per la squadra, ha avuto anche le sue occasioni. Per gli attaccanti è così, va a periodi, sta lavorando bene ma deve fare meglio, deve fare un piccolo sforzo in più per reagire".

Fondamentale invece il recupero di Bonaventura, che ha già dimostrato di poter riprendere in mano la manovra offensiva:

"Jack è un giocatore intelligente, sa quando accelerare, quando rallentare i tempi. Ho bisogno di giocatori intelligenti. Più giocatori così ho in campo, che si sanno muovere, meglio è. Jack è uno di questi, spero che la sua condizione fisica gli permetta di giocare con maggior continuità. Ibrahimovic? Buona serata, grazie".

Potrebbe interessarti anche...