Milan, Pioli: 'Tesi e concentrati, meritiamo la Champions. Rebic? Problema al polpaccio, più no che sì'

·4 minuto per la lettura

Ultima di campionato, il Milan va a Bergamo con l'Atalanta e cerca l'impresa per difendere il piazzamento Champions League. A Milanello, il tecnico rossonero Stefano Pioli presenta in conferenza stampa la sfida di domenica: "La classifica finale darà i verdetti finali. Abbiamo parlato per tutto l'anno di partite della svolta, abbiamo preparato bene questa gara, la squadra è motivata e darà il massimo".

SETTIMANA - "E' stata particolare. Fino a mercoledì la delusione era presente, da mercoledì in poi è stata trasformata in concentrazione, c'è una miscela d sentimenti dentro di noi: emozione, tensione, concentrazione. Abbiamo fatto di tutto per preparare bene la gara".

CREDERE ALLA CHAMPIONS - "Il Milan deve crederci perché ha dimostrato per tutto il campionato di essere una formazione forte. L'Atalanta meritatamente è andata in Champions per la terza stagione di fila, il Milan deve crederci perché ha le qualità per essere una grande squadra. Da settembre giochiamo ogni tre giorni, non abbiamo perso fiducia nelle nostre qualità: dobbiamo fare l'ultimo sforzo".

ATALANTA - "Mi aspetto un'Atalanta che giocherà al meglio delle sue possibilità. E' stata una stagione lunga per tutti, anche per loro. Hanno un impianto di gioco collaudato, mi aspetto una squadra che giochi la miglior partita possibile e dobbiamo farlo anche noi".

PRIMA ESPERIENZA IN CHAMPIONS PER MOLTI, MOTIVAZIONE IN PIU'? - "E' chiaro che la settimana è stata piena di dialoghi singoli e collettivi, la motivazione è al massimo. Le motivazioni per il club, i singoli e per i nostri tifosi, che hanno lottato con noi e sono rimasti delusi per domenica. Ma ora è il momento di rimanere uniti".

COME STA LA SQUADRA - "Rebic ad oggi è più no che sì, vediamo domattina. Gli altri stanno bene, domani partiremo".

LEADERSHIP IBRAHIMOVIC - "L'importanza di Zlatan nella crescita del gruppo è evidente. Domani partiremo tutti: i 26 giocatori, la squadra, tutto il club. I tifosi non partiranno ma saranno con noi, ci sono tutte le condizioni per fare bene".

REBIC - "Ha un problemino muscolare al polpaccio, anche stamattina non è riuscito a fare una seduta completa: vediamo domani, ad oggi è più no che sì".

TABU' ATALANTA - "E' una squadra forte, l'anno scorso non eravamo ancora al loro livello: ora ci siamo avvicinati molto e domani avremo l'occasione per dimostrarlo".

INFORTUNI IN STAGIONE - "Sicuramente hanno inciso, abbiamo avuto due blocchi di infortuni con dei reparti completi fuori per alcune partite. Questo ci ha impedito di fare le giuste rotazioni, i giocatori infortunati hanno avuto più tempo per recuperare la condizione ottimale. Giocare ogni 4-5 giorni è molto difficile, siamo leggermente sopra la media per gli infortuni, abbiamo dovuto fare partite anche con 7-8 assenze. Da lunedì andrà valutato il lavoro fatto e su cosa si potrà migliorare".

IBRA IN PANCHINA - "Zlatan sarà sicuramente con la squadra ma non in panchina, l'importante comunque è avere una squadra determinata. Dovremo essere molto forti dal punto di vista mentale, dovremmo essere lucidi per superare le difficoltà della partita e giocare il nostro tipo di calcio".

OBIETTIVI - "La società ci ha sempre sostenuto con grande presenza e fiducia nel nostro lavoro, l'ha fatto dall'inizio dell'anno e in questa settimana, com'è giusto che sia per un club che ritiene si sia fatto un lavoro importante durante l'anno. Abbiamo le qualità per essere una squadra attenta e lucida per cogliere al volo qualsiasi occasione ci possa capitare".

VOTO ALLA SQUADRA - "Se posso già darlo? No, le valutazioni si fanno alla fine. Domani è troppo importante, i voti li darete voi. Non conta niente dove siamo oggi. Oggi saremmo meritatamente in Champions ma conta dove saremo domani sera".

QUALITA' PER VINCERE - "Forza mentale, compattezza e qualità. Senza qualità non si vincono certe partite".

SGUARDO DIVERSO - "È una squadra che non ha mai avuto paura. La paura è come il fuoco, se la controlli ti scalda oppure ti vai a bruciare. Abbiamo affrontato altre partite così delicate, la squadra ha sempre dimostrato un atteggiamento mentale positivo. Non ci siamo mai abbattuti, questa settimana ho visto le cose giuste".

DIFFERENZA RENDIMENTO CASA-TRASFERTA - "Sono valutazioni che faremo alla fine del campionato. Conta solo il posizionamento finale".

SENSAZIONI - "Non dobbiamo pensare a quello che potevamo fare, conta solo la partita di domani. Abbiamo fatto di tutto per recuperare energie fisiche e mentali, abbiamo bisogno di tanto domani. Concentriamoci su domani, è tanto importante".

FUTURO - "Il mio futuro è domani, la partita di domani. Dobbiamo ragionare tutti così. Sul futuro inizieremo a ragionarci da lunedì".

ATALANTA E MILAN IN TRASFERTA - "Dobbiamo essere consapevoli delle difficoltà che troveremo nella partita, ma quando sei così consapevole devi superarle ed essere consapevole di poter trovare un risultato importante".

PARAGONE VIGILIA CON LA LAZIO - "Ci ho pensato a quella partita e alla settimana che abbiamo vissuto. Venivamo da due sconfitte pesanti, in finale di Coppa Italia e al derby. Ho rivisto nei miei giocatori quello che avevo visto nei giocatori della Lazio, grande impegno e determinazione verso l'obiettivo".

PARTITA DA CALMA O GRINTA E CUORE? - "Sangue freddo e grande spirito".

ALTRI CAMPI - "Dobbiamo essere concentrati sulla nostra partita, dovremo essere lucidi nel capire i momenti del match e determinare il risultato".

I QUATTRO CLEAN SHEET - "Deve essere un obiettivo per tutta la squadra, deve essere una buona base per poi cercare di fare di più".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli