Milan, prosegue il recupero degli infortunati in vista del finale di stagione

Francesco Giagnorio
·1 minuto per la lettura

Mentre 14 giocatori hanno lasciato Milanello per raggiungere le rispettive nazionali, i restanti proseguono il duro lavoro per consolidare la posizione in classifica e raggiungere la Champions, primo obiettivo stagionale, che manca ormai da tanti anni. Tra questi ci sono anche gli infortunati, che stanno lavorando duramente per recuperare la condizione e tornare quanto prima in campo per proseguire il cammino rossonero. Lontani i recuperi di Calabria, out per una lesione del menisco mediale del ginocchio destro, e Romagnoli, alle prese con una lesione muscolare. Tuttavia le risposte di Dalot e Tomori sono state decisamente positive, non creando problemi al reparto difensivo di Pioli.

Diversa è la situazione in attacco, dove mancano Rebic, infiammazione all'anca, e Mandzukic e Leao, entrambi alle prese con problemi muscolari. Pioli spera di recuperarli per la prossima gara di campionato, l'anticipo delle 12:30 del 3 aprile, in cui i rossoneri ospiteranno a San Siro la Sampdoria. Dei tre, l'unico ad oggi sicuro di non essere comunque in campo sarà Rebic, squalificato nella gara contro il Napoli per espressioni ingiuriose nei confronti dell'arbitro Pasqua, anche se il Milan attende l'esito del ricorso. Se quest'ultimo venisse accettato, Rebic potrebbe essere regolarmente in campo.

Rebic dopo l'esplusione | Jonathan Moscrop/Getty Images
Rebic dopo l'esplusione | Jonathan Moscrop/Getty Images

Di seguito i 14 giocatori del Milan convocati nelle rispettive nazionali: Ibrahimovic (Svezia), Saelemaekers (Belgio), Donnarumma (Italia), Calhanoglu (Turchia), Hauge (Norvegia), Kjaer (Danimarca), Krunic (Bosnia), Kessie (Costa d'Avorio), Bennacer (Algeria), Gabbia, Tonali (Italia U21), Dalot (Portogallo U21), Kalulu (Francia U21), Brahim Diaz (Spagna U21).

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A