Milan, Rivera non fa sconti: "Merita molto di più"

webinfo@adnkronos.com

"C'è certamente qualcosa che va corretto, valutato e seguito con grande attenzione. Il Milan ha buoni valori, forse non buonissimi in assoluto, ma abbastanza buoni per avere un'altra posizione in classifica. L'Atalanta è una squadra che può fare certe cose ma il risultato mi sembra un po' esagerato. C'è qualcosa da correggere ma se non sei dentro, non puoi sapere cosa". Gianni Rivera, ospite di 'Radio Anch'io lo Sport' su Radio 1, torna così sul k.o. per 5-0 subito ieri dai rossoneri a Bergamo.  

"Elliott dovrebbe vendere? Sa benissimo cosa dovrebbe fare, non è il suo mestiere gestire società di calcio perché è un fondo d'investimento e probabilmente sta cercando un acquirente ma non vuol perdere più di tanto -prosegue Rivera-. La situazione non è facile, la squadra non è così drammatica come valori ma forse c'è una situazione ambientale un po' strana ed è un peccato perché il Milan merita di più".  

Salvini: "Milan come governo, senza cuore e dignità" 

E sulla decisione di esonerare Giampaolo conclude: "Purtroppo quando qualcosa non funziona non resta da fare che sperare che cambiando l'allenatore cambi qualcosa". Infine un ricordo del 22 dicembre del 1969 quando Rivera, allora 26enne, diventava il primo italiano a conquistare il Pallone d'Oro. "E' stato il riconoscimento di un'attività importante per tutto il Milan". 

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...