Milan, Romagnoli verso la conferma a Bologna. E il rinnovo...

·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Alessio Romagnoli verso un'altra chance dal 1' al Dall'Ara. Stefano Pioli prosegue il piano di rotazioni per gestire le forze con impegni in programma ogni tre giorni e domani, contro il Bologna, il Milan dovrebbe ritrovare nell'undici titolare il capitano: dopo la mezz'ora finale contro il Porto, Romagnoli dovrebbe guidare la retroguardia facendo rifiatare uno tra Kjaer e Tomori (l'inglese ha più possibilità di andare in panchina, il danese aveva riposato contro l'Hellas Verona). Il centrale azzurro ha ritrovato continuità dopo il complicato finale della scorsa stagione, tra infortuni e scelte tecniche che lo hanno tenuto spesso e volentieri lontano dal rettangolo di gioco: un segnale di rilancio importante per il Milan, che può contare su un'alternativa di livello al centro della difesa, ma anche per il futuro dello stesso giocatore.

RINNOVO DIFFICILE, MA NON IMPOSSIBILE - Se fino a poche settimane fa l'addio a fine stagione, quando scadrà il contratto che lo lega ai rossoneri, sembrava quasi scontato, ora per Romagnoli le carte si sono rimescolate e anche il rinnovo non è più impossibile. Maldini e Massara non escludono la possibilità di prolungare il contratto del classe '95, lo stesso ex Roma ha dato la propria disponibilità e i primi discorsi sono partiti. Impossibile, però, non fa rima con facile ma piuttosto con molto difficile. Non mancano infatti punti di criticità nella trattativa, a partire dall'ingaggio da 5 milioni di euro netti a stagione più bonus percepito da Romagnoli: cifre che il Milan non intende confermare, la dirigenza potrebbe mettere sul piatto circa la metà dello stipendio attuale. Il secondo è dato da Mino Raiola, nei cui piani resiste l'idea di un trasferimento a parametro zero alla Juventus. E i recenti attacchi mediatici del procuratore ai rossoneri non sono stati ben accolti dai vertici del club. Difficile ma non impossibile, mentre dirigenti e agente sono pronti a prendere in mano gli aspetti economici e contrattuali del rinnovo, Romagnoli pensa al campo: Pioli pronto a confermargli la sua fiducia, perché nel tour de force il Milan ha bisogno anche del suo capitano.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli