Milan, settembre di fuoco tra dubbi e incognite: in 7 giorni Lazio, Liverpool e Juve. Ma Ibra, Kessie e Giroud...

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Lazio, Liverpool ad Anfield e Juventus all'Allianz Stadium. No, non siamo a maggio alle battute finali di Serie A e Champions League, ma a metà settembre, pieno inizio di stagione: il calendario del Milan al rientro dopo la sosta per le nazionali è quanto di più spinto si potesse programmare per la truppa di Stefano Pioli, chiamato ad affrontare Sarri, Klopp e Allegri nel giro di sette giorni, da domenica alle 1 a domenica alle 20.45, passando per la trasferta in Inghilterra di mercoledì alle 21. I rossoneri sognavano da tanto di tornare a disputare le coppe europee e di risentire al più presto la musichetta della Champions League, habitat naturale da sempre per i meneghini, più di qualsiasi altra squadra italiana, e sono stati prontamente accontati, con un filotto da brividi che indicherà subito la via, in entrambe le competizioni.

ELLIOTT, MALDINI E MASSARA SUBITO SOTTO ESAME - Settembre di fuoco, che non può essere già decisivo, per ovvi motivi, ma sicuramente peserà le ambizioni del Milan di Elliott e la bontà del mercato di Maldini e Massara: tre esami complicati, contro squadre che propongono un gioco intenso e dispendioso, con maestri della panchina in grado di fare la differenza. Prssione positiva ma appuntamenti da affrontare con tutti gli effettivi disponibili, per evitare di ripetere la stoica ma sfortunata prestazione dell'ultima primavera a Old Trafford contro il Manchester United: un dominio con parecchi infortunati non concretizzato e poi pagato a caro prezzo.

I RIENTRI DI IBRA E KESSIE. MA IN CHE CONDIZIONI? - Da questo punto di vista, positiva la notizia del rientro di due "leader maximi" come Zlatan Ibrahimovic e Franck Kessie, se non per la Lazio, per il Liverpool. E' vero che la rosa rossonera è molto più ricca e profonda dell'anno passato, ma di certi calciatori non si può proprio fare a meno: l'incognita riguarda chiaramente la condizione dello svedese e dell'ivoriano, che ovviamente non potranno essere al meglio, dopo gli infortuni al ginocchio e muscolare che li hanno tenuti fuori per più di quattro mesi e per tre settimane. Servirà immetterli nel motore subito, nonostante il comprensibile ritardo di forma.

IL DUBBIO GIROUD: QUANDO TORNA? - Il dubbio più grande invece riguarda al momento il miglior interrprete di inizio stagione al Milan: l'ottimo Olivier Giroud, costretto ai box a causa del Covid. La sua presenza è in dubbio per le gare contro Lazio e Liverpool, ma la sua è una situazione da monitorare giorno per giorno che al momento non consente di avere certezze. Quel che è certo è che Stefano Pioli, dal punto di vista di calendario e fisico, è subito stato messo sotto pressione. D'altronde, quando il gioco si fa duro i duri devono scendere in campo.

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli