Milan, Theo Hernandez si sdoppia: da terzino a sostituto di Leao

Titolare, ancora una volta. Theo Hernandez, domani contro la Dinamo Zagabria, farà otto su otto, giocherà ancora dal primo minuto, come è successo nelle sei di campionato e nella prima partita contro il Salisburgo, che ha aperto la fase a gironi di Champions League. Per il Milan è un valore aggiunto, per Pioli è insostituibile, alle sue spalle non c'è infatti un'alternativa all'altezza. I numeri non mentono, il francese ex Real Madrid è il giocatore di movimento più impiegato in questo inizio di stagione, con 615' (recuperi esclusi), praticamente tutti quelli giocati da rossoneri tolti i 15' finali della sfida con il Bologna, giocati da Ballo-Touré.

AL POSTO DI LEAO - Da terzino sinistro o da centrocampista centrale, secondo il Pioli-pensiero, da quando è arrivato al Milan Theo Hernandez ha segnato 21 gol e fornito 23 assist in 129 partite, molti di questi arrivati grazie alla sua capacità di creare la superiorità numerica e di arrivare facilmente in zona tiro. Per questo motivo, in assenza dello squalificato Leao, contro il Napoli potrebbe giocare più alto, largo a sinistra nel tridente alle spalle di Giroud. Da attaccante esterno, con alle sue spalle Ballo-Touré o l'ultimo arrivato Dest. Un'opzione, un'alternativa a Saelemaekers o a uno tra Brahim Diaz e Adli, che garantiscono un altro tipo di lavoro. Theo è pronto ad accettare la sfida, per il bene del Milan.