Milan troppo forte: 3-0 al Cagliari. I rossoneri tornano al quarto posto

Luca Russo
90min

​La ventitreesima giornata di Serie A si è chiusa con il posticipo serale (ore 20,30) tra ​Milan e ​Cagliari. La squadra rossonera ha annientato i sardi con un netto 3-0Ma ripercorriamo i momenti salienti dell'incontro.

Gattuso conferma il 4-3-3 tipo con Suso e Calhanoglu ai lati di Cutrone. In difesa Calabria vince il ballottaggio con Abate e Conti. In mediana Kessié-Bakayoko-Paquetà.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Maran propone il consueto 4-3-1-2 con Ionita alle spalle della coppia Joao Pedro-Pavoletti. Sulle fasce Srna e Pellegrini. In mezzo al campo torna Barella: con lui Faragò e Padoin.

PRIMO TEMPO - Il Milan parte subito con il piede sull'acceleratore. Al 13' i rossoneri si portano in vantaggio: conclusione di Suso, respinta di Cragno e autorete di Ceppitelli


Al 22' la squadra di Gattuso trova anche il raddoppio: cross perfetto di Calabria e tocco vincente di Paquetà, al suo primo goal in maglia rossonera. 


Il Cagliari, al di là del doppio svantaggio, non demorde, anzi, fa la sua partita. Al 27' ci prova Pavoletti con un colpo di testa, ma Donnarumma respinge. Il Milan chiude il primo tempo con il vantaggio di 2-0

SECONDO TEMPO - Ad inizio ripresa il Cagliari prova ad impensierire i padroni di casa e al 60' va vicinissimo al goal: cross di Pellegrini, tiro di Joao Pedro, gran parata di Donnarumma, il numero 10 rossoblù prova a superarlo con un colpo sotto ma il pallone si infrange sulla traversa. Al 62' il Milan chiude la pratica in maniera definitiva: Piatek sfrutta un'azione rocambolesca in area di rigore e da due passi, con Cragno fuori dai pali, appoggia in rete.

​​Nel finale di gara il Milan amministra senza problemi e chiude il match con un meritato 3-0. Per i rossoneri è una vittoria molto importante sotto tanti punti di vista: la squadra di Gattuso torna ad occupare il quarto posto in classifica. Serata complicata, con un po' di sfortuna, per il Cagliari: gli uomini di Maran hanno provato a giocarsela, ma Donnarumma ha blindato la porta in diverse occasioni. 

Potrebbe interessarti anche...