Milanmania: Pioli è il colpevole a Cremona, ma oggi il mercato è bocciato in toto

Un pari che sa tanto di sconfitta. Altri due punti persi, proprio quando era il momento di raccogliere: tra Torino, Spezia e Cremonese il Milan ha fatto soltanto 4 punti. Troppo pochi, il Napoli non te lo permette. Questa volta è giusto muovere qualche critica a Mister Pioli. Quando ti mancano giocatori importanti (vedi Theo e Giroud) non è il caso di ricorrere ad altro turnover e persino al cambio di modulo.

Leao doveva giocare dall'inizio. A 23 anni, non aveva senso farlo riposare quando poi domenica ci sarà l'ultima partita. È entrato poi male? Vero, ma la partita e gli spazi ormai erano chiusi: dall'inizio il portoghese avrebbe avuto sicuramente più possibilità di fare la differenza. Chi gli è stato preferito e cioè Rebic ha fatto malissimo. A 180 minuti dalla fine, poi, non si sentiva la necessità del cambio modulo. Una scelta che ha fatto perdere ulteriori certezze alla squadra.

Ancora una volta i nuovi hanno deluso. De Ketelaere è entrato impacciato e impaurito. Origi ha sbagliato un gol facile e a oggi è una grande delusione. Giroud è imprescindibile. Il mercato oggi è bocciato. Di scudetto se ne riparlerà eventualmente se e quando il Milan sarà più vicino al Napoli. Oggi è giusto guardare anche sotto in classifica. Alla fine di questo turno di campionato sarà un mischione tra la seconda e la quinta posizione: in questi casi il posto assicurato non ce l'ha nessuno.