Milano è rossonera! Ibra torna e trascina il Milan: 2-1 contro l'Inter, Pioli batte Conte

Antonio Parrotto
·2 minuto per la lettura
FC Internazionale v AC Milan - Serie A | Marco Luzzani/Getty Images
FC Internazionale v AC Milan - Serie A | Marco Luzzani/Getty Images

Magica serata a San Siro per il derby tra Inter e Milan. Tanti tifosi fuori dallo stadio, prima della sfida, a salutare le squadre. Antonio Conte ha scelto il 3-4-1-2 lasciando ancora una volta fuori Eriksen e puntando su Barella trequartista mentre in difesa spazio a D'Ambrosio, De Vrij e Kolarov. Stefano Pioli ha optato per il consueto 4-2-3-1 scegliendo Kjaer e Romagnoli in difesa, Rafael Leao a sinistra al posto dell'infortunato Rebic con il ritorno di Ibra dopo il Covid.

VIDEO - Milan, Ibra è carico per il rientro

Bellissimo primo tempo a San Siro. Un solo peccato: l'assenza del pubblico. Questo primo tempo, ne siamo sicuri, avrebbe caricato tantissimo il popolo di San Siro. Ma ormai è così e dobbiamo, purtroppo, abituarci. Tornando al campo però la prima frazione ha lasciato numerosi spunti. Pioli l'ha preparata molto bene mettendo in evidenza i difetti dell'Inter che poi, costretta a rimediare il gol di Ibra su rigore (fallo di Kolarov), ha lasciato maggiore campo ai rossoneri e lo svedese ne ha approfittato segnando il 2-0. L'Inter sembrava aver accusato il colpo ma da una zampata di Kolarov è nato l'1-2 di Lukaku che ha riacceso il derby. Tanti duelli uno contro uno, tante belle giocate a San Siro.

VIDEO - Ibra, gita in moto con Calhanoglu

Ci si aspettava un secondo tempo scoppiettante ma così non è stato. Siamo a inizio stagione, tanti calciatori non sono ancora in forma e la poca brillantezza si è fatta sentire. Ci si aspettava anche una reazione più veemente da parte dell'Inter per andare a trovare il pari e per poi magari provare a vincerla ma non c'è stata. Occasioni con Leao e Krunic, nel mezzo quella per Hakimi.

VIDEO - Muriqi: "Non sono come Ibra"

Spazio anche per il Var con il rigore annullato all'Inter per precedente fuorigioco di Lukaku (lo lancia Kjaer ma il suo tocco è involontario, è un rimpallo, non una giocata). L'Inter non ha trovato la superiorità numerica sulle corsie con continuità, il Milan si è difeso con ordine e ha portato a casa il derby.