Milano-Cortina 2026, per Arena S.Giulia è già corsa contro tempo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 gen. (askanews) - All'inizio dei Giochi olimpici invernali di Milano-Cortina 2026 mancano ancora quattro anni e qualche giorno, ma per la costruzione di uno degli impianti principali, l'Arena Santa Giulia destinata a ospitare le gare di hockey maschile, i tempi sono già stretti e dipendenti da molte variabili. Lo ha detto l'assessore alla Rigenerazione Urbana del Comune di Milano, Giancarlo Tancredi, intervenuto davanti alle Commissioni consiliari riunite congiuntamente per discutere proprio lo stato dei lavori per il palazzetto. Il Comune, ha osservato Tancredi, la variante urbanistica l'ha approvata nei tempi previsti e l'impianto può ancora essere realizzato entro metà 2025, come chiesto dal Cio, "però è molto importante che ci sia un'azione congiunta perché qui c'è un operatore privato, ci sono altri enti, c'è lo Stato. Noi la nostra parte l'abbiamo fatta, firmeremo la convenzione quanto prima, siamo in tabella di marcia".

Il riferimento è a Cts Eventim, la multinazionale nota in Italia con il marchio Ticketone, che si è aggiudicata il diritto di costruire l'impianto a proprie spese (circa 150 milioni) e di gestirlo dopo i Giochi. Il gruppo tedesco, ha detto l'Executive Vice President Rainer Appel, sta finalizzando il progetto e conta di inviare al Comune, entro fine febbraio, i documenti per l'istruttoria preliminare ex articolo 40, alla quale seguirà la firma della convenzione. "Progettiamo di cominciare a costruire l'Arena, se tutto questo processo di documentazione andrà bene, entro la fine dell'anno, per finirla poi entro metà 2025" ha detto il manager.

Sulla tabella di marcia pendono però due ricorsi al Tar contro l'atto integrativo dell'accordo di programma presentati da Forumnet della famiglia Cabassi, gestore del concorrente Forum di Assago, e dall'Immobiliare Ametista, proprietaria del centro commerciale Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. L'avvocatura comunale ha riferito che non ci sono ancora date di udienza, ma ne è stata sollecitata la fissazione. "Abbiamo fiducia nel fatto che il Tar noterà che questi appelli sono senza basi e li rifiuterà. Intanto abbiamo identificato alcune aziende candidate per la costruzione, contiamo di cominciare i negoziati entro l'estate e i lavori entro fine anno" ha aggiunto Appel. Quanto alle bonifiche Risanamento conta di poter consegnare il lotto dell'Arena a Eventim entro settembre 2022 e di concludere il resto nei quattro anni successivi, appena in tempo per l'avvio dei Giochi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli