Milano-Cortina 2026, Piemonte si candida per sport dimostrativi

Asa

Milano, 3 dic. (askanews) - "Abbiamo posto le basi per fare in Piemonte quelle due discipline che non medagliano, cioè le discipline dimostrative che il Cio può decidere di inserire, che potrebbero essere ad esempio lo sci alpinismo e il chilometro lanciato. Non c'è ancora una sede, dovrà essere l'Italia a decidere, allora potrebbe essere che in quella occasione il Piemonte possa essere riconsiderato". Lo ha detto il prosidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, a proposito dei Giochi olimpici invernali di Milano-Cortina del 2026.

"La colpa è tutta del Piemonte - ha aggiunto riferendosi al mancato coinvolgimento nel dossier olimpico del Piemonte, inizialmente previsto -, il Consiglio comunale di Torino ha fatto una delibera nella quale dice 'Olimpiadi no grazie', non è che ce le hanno rubate, è il Piemonte che non le ha volute ed è una delle considerazioni che io faccio negative su chi mi ha preceduto perché la Regione avrebbe potuto in qualche modo far sentire la propria voce".

"Quando mi sono insediato la frittata era già fatta, abbiamo detto 'i nostri impianti sono a disposizione', in particolare per il bob e il salto che sono già pronti e sono impianti molto costosi da realizzare, oltre che impattanti dal punto di vista ambientale, quindi un po' per il risparmio economico e un po' per la salvaguardi ambientale noi crediamo che il nostro dossier presentato al allora sottosegretario Giorgetti, a Malagò e a Lombardia e Veneto sia utile" ha concluso a margine di un convegno organizzato da Italia Direzione Nord.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...