Milano Cortina 2026, Sertori e Rossi a Bormio: ascoltiamo operatori

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 nov. (askanews) - Prima tappa a Bormio (Sondrio) per il tour di presentazione dei territori olimpici che saranno protagonisti dei Giochi invernali del 2026. Al momento di lavoro hanno partecipato l'assessore regionale agli Enti locali, montagna e piccoli comuni Massimo Sertori e il sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi, Antonio Rossi. "Le Olimpiadi di Milano Cortina - ha evidenziato l'assessore Sertori - avranno una portata dalle dimensioni colossali, come valtellinesi abbiamo una grande responsabilità". "Sarà una vetrina globale - ha aggiunto - per la quale si ipotizzano 2 miliardi di contatti, dovremo fare bella figura. Massimizzare le potenzialità che un evento del genere avrà sul territorio è uno dei nostri obiettivi. Noi oggi siamo qui per ascoltare i territori che saranno coinvolti".

"Come Regione stiamo lavorando mettendo in campo risorse importanti - ha detto Sertori riferendosi a posti letto nel numero adeguato e collegamenti fisici o digitali -. Ho chiesto che fossero presenti anche le testate giornalistiche come stakeholders perché credo che vinceremo questa avventura se lavoriamo tutti insieme, ognuno dovrà fare la sua parte". "L'asse Milano - Lario - Valtellina - ha continuato Sertori - dovrà essere anche contaminazione e scambio culturale" oltre che di flussi turistici.

"Vorrei che Milano e la Valtellina - ha esordito il sottosegretario Rossi - vivessero l'entusiasmo e la passione che i Giochi creano. Ci saranno mille ore di diretta tv, 1130 paesi collegati. Avremo gli occhi puntanti addosso. A Torino dal 2000 al 2016 si è registrata una crescita del 102 per cento nel turismo. Abbiamo una grande responsabilità, i fondi per i collegamenti arriveranno da fonti diverse, alcuni messi a disposizione dal ministero del Turismo oltre che da Regione Lombardia". I ogni caso, a suo parere, sarà importante coinvolgere le persone: "Chi lavorerà per i Giochi avrà un'opportunità occupazionale anche dopo l'evento - ha concluso Rossi - portando il nome della Valtellina e della Lombardia nel mondo. Sarà una delle legacy più importanti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli