Milik avverte il Napoli: "Sono impaziente di giocare"

Arek Milik vuole riprendersi il Napoli: "Mi sento pronto per giocare, ma so che per Sarri non è facile cambiare. Accetto la situazione, per ora".

Chi si aspettava un Arek Milik di nuovo a mille all'ora come prima dell'infortunio è inevitabilmente rimasto deluso. Stupefacente a inizio stagione, il polacco del Napoli deve ora accomodarsi in panchina per far spazio a un Mertens che non la smette di segnare. Per questo l'umore dell'ex Ajax è controverso.

"Sto migliorando settimana dopo settimana - le sue parole al quotidiano polacco 'Przeglad Sportowy' - L'infortunio è alle spalle, anche se all'inizio non è stato semplice: avevo bisogno di parecchio tempo per ritrovare la condizione".

Al momento, come detto, ad accoglierlo è però la panchina: "Io sono pronto per giocare, ma so che ci vuole tempo: c'è la riabilitazione e altri dettagli. Mi servono ancora un paio di settimane per essere al top, ma sono certo di poter tornare come prima dell'infortunio".


E a chi sostiene che il rientro in campo sia stato affrettato, Milik risponde: "Ho letto un sacco di articoli, sono state scritte tante cose, ma a me nessuno ha chiesto un parere. Io volevo solo tornare il più presto possibile, ho lavorato anche a casa per recuperare la forma. Non ci sono stati sovraccarichi, non ho mai dovuto ridurre i carichi. Nessuna complicazione".

Sulle scelte di Sarri: "Sono giovane e impaziente, ma capisco che per l'allenatore non è facile cambiare. Mertens sta giocando alla grande nella mia posizione. Sono trascorsi appena 5 mesi dall'infortunio, la maggior parte dei giocatori ci mette di più. Per adesso accetto la situazione".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità