Minacce a Conte, la precisazione dell'Inter: "La lettera è arrivata al club"

Antonio Conte non recupera nessuno degli infortunati in vista di Torino-Inter: "Dovremo dare più del massimo per sopperire a questa situazione".
Antonio Conte non recupera nessuno degli infortunati in vista di Torino-Inter: "Dovremo dare più del massimo per sopperire a questa situazione".

Nelle ultime ore ha destato ovviamente grande scalpore la notizia delle minacce rivolte ad Antonio Conte. Inizialmente si è parlato di una busta fatta recapitare al tecnico nerazzurro con al suo interno anche un proiettile, a quanto pare però le cose sono andate in maniera diversa.

A differenza di quanto in un primo momento emerso, all’allenatore dell’Inter non è stata recapitata alcuna lettera minatoria e quindi non ha sporto alcuna denuncia, una lettera è stata viceversa ricevuta dal club meneghino.

A confermarlo è stata la stessa Inter con una precisazione pubblicata da La Gazzetta dello Sport.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

“In relazione alle notizie pubblicate oggi, FC Internazionale Milano precisa che Antonio Conte non ha ricevuto personalmente alcuna lettera minatoria e, di conseguenza, non si è recato in prima persona a sporgere denuncia. È stato il club a ricevere una lettera e, come da prassi in questo genere di situazioni, ha provveduto a rivolgersi alle autorità competenti”.

Anche la moglie di Antonio Conte, Elisabetta Muscarello, attraverso il suo profilo Facebook ha smentito la notizia trapelata nelle scorse ore.

“Per la cronaca: la storia del proiettile è una bufala! E comunque in Italia siamo messi proprio male come comunicazione. Per la serie: mi alzo, invento e scrivo! Senza pensare mai alle conseguenze".

La Procura di Milano comunque, secondo l'Ansa, ha aperto un'inchiesta a carico di ignoti per minacce aggravate e detenzione di munizioni. L'indagine è coordinata da Alberto Nobili, responsabile dell'antiterrorismo milanese, e delegata ai carabinieri del nucleo investigativo.

Potrebbe interessarti anche...