Milan, l'annuncio di Mirabelli: “Donnarumma vuole rimanere”

Il Milan sta sconvolgendo il calciomercato estivo 2017 sfruttando lo spazio di azione derivante dalle regole del fair play finanziario Uefa.

Il pareggio arrivato all'ultimo secondo nel derby contro l'Inter aveva dato ulteriore linfa al Milan nella corsa per l'Europa League, ma i rossoneri hanno arrestato la propria corsa con la sconfitta a sorpresa contro l'Empoli. Massimiliano Mirabelli ha svelato le proprie linee guida per il mercato.

Ai microfoni di 'Milan tv', Mirabelli bacchetta la squadra: "La sconfitta brucia sicuramente, merito all'Empoli per l'ottima gara. Però mancano 5 partite e noi dobbiamo pensare di vincerle tutte. I ragazzi hanno dato tutto, ma magari bisogna regalare meno tempo agli avversari la prossima volta. Gli ultimi 20 minuti abbiamo avuto una reazione eccellente, ma è complicato partire dal 2-0 per gli avversari. Contro l'Inter e la Juventus la partita la prepari dal primo secondo in un certo modo. Queste sono le più difficili. Questa partita può essere di insegnamento, il Milan grande dovrà fare punti contro le piccole. I veri punti si perdono con queste squadre e non dobbiamo farlo più".

Sul fronte mercato il dirigente rossonero non vuole rivoluzioni: "Abbiamo ottimi attaccanti, abbiamo un'ottima squadra. E' vero che tutti i tifosi sognano per il mercato, ma oggi non è il tempo di pensare a quello. Ci mancano cinque partite e dobbiamo pensare a questo. I nostri calciatori noi li riteniamo i più forti di tutti. Non vogliamo stravolgere questa rosa, se sarà possibile migliorarla lo faremo volentieri. Già è complicato parlare di mercato a gennaio perchè intanto si sta giocando, immaginiamoci ora. Al mercato ci penseremo".

Importante dichiarazione ai microfoni di 'Sky Sport' sul nodo Donnarumma: "Abbiamo parlato con lui e ci ha dimostrato di essere determinato a rimanere. Credo che il fascino del Milan sia sempre lo stesso, insieme al Real Madrid è la squadra più titolata".

"Stiamo lavorando per mantenere l'ossatura della squadra, - ha spiegato il dirigente rossonero anche a 'Mediaset Premium' - inserendo magari qualche giocatore forte e funzionale agli schemi del tecnico. Nomi sul mercato? Sappiamo bene qual è il nostro progetto, abbiamo un nostro modo di lavorare che si basa su più fatti e meno parole. Nessuno ha la bacchetta magica, vogliamo che il Milan possa disputare ogni anno la Champions ma ci vuole pazienza".

Ottimismo per la permanenza di Bacca: "Carlos è uno degli attaccanti più forti nel panorama mondiale e per questo riteniamo che sarà parte integrante del nostro progetto".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità