Misano World Circuit: 50 anni di storia

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

(Adnkronos) - Il Misano World Circuit, oggi 6 agosto compirà 50 anni. Una lunga storia fatta di successi, di vittorie, di trofei, le prime gare ufficiali furono disputate domenica 6 agosto 1972.

In quel giorno il programma del Misano World Circuit era fitto di eventi, tanti i trofei automobilistici, storiche le vittorie di Arturo Merzario, Vittorio Brambilla e Giancarlo Martini.

A distanza di soli sette giorni, il 13 agosto del 1972, il circuito di Misano accolse anche le moto: vinse Giacomo Agostini nella 350, Renzo Pasolini nelle 250, Otello Buscherini nelle 125 e Guido Mandracci nelle 750.

L’idea di dar vita a un circuito in grado di essere il centro della passione per il motorsport fu di Enzo Ferrari: il Drake era presente all’inaugurazione e attorno a lui un gruppo di imprenditori della Riviera, tutti motivati nel coinvolgere l’ingegnere modenese Umberto Cavazzuti per il progetto del tracciato.

Una pista lunga 4.226 metri, allungata e con il senso di marcia invertito, profondi furono gli interventi strutturali, oltre al cambio della denominazione da Santamonica a Misano World Circuit. Intervento necessario per ospitare la MotoGP e dare una risposta concreta all’incontenibile passione nata intorno al ‘fenomeno Vale’. Oggi la dotazione di infrastrutture è eccellente e flessibile, la pista ha acquisito una riconoscibilità mondiale anche grazie al progetto di brand identity che coinvolge tutto il territorio.

Sono passati 50 anni da quando una pista temporanea di atterraggio dei velivoli americani durante la Grande Guerra, ispirò l’attuale rettilineo del circuito che oggi ospita quattro piste: la pista internazionale, l’Arena Flat Track di oltre mille metri e non asfaltata, la pista Handling conosciuta come Misanino e quella dedicata ai kart.

L’impianto che può ospitare oltre 100mila spettatori, celebra un importante anniversario quest’anno: per l’occasione sono state allestite due mostre con la “50 shooting of racing” che omaggia i primi 50 anni di vita del circuito e che resterà aperta fino a fine 2022. In occasione della tappa della MotoGP a settembre, sarà allestito un ulteriore e nuovo spazio espositivo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli