Mkhitaryan-Mourinho, di nuovo vicini per la Roma: il retroscena

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Certamente Henrikh Mkhitaryan, due anni fa, non avrebbe mai immaginato di ritrovarsi di nuovo allenato da José Mourinho quando firmò il suo contratto con la Roma. Ma come si suol dire "le vie del Signore sono infinite", oltre che "tutte le strade portano a Roma". E infatti, dopo la clamorosa operazione portata avanti dai Friedkin e Tiago Pinto, lo Special One è ora ufficialmente l'allenatore del club giallorosso. Un arrivo che ha fatto felici i tifosi romanisti, ma non l'armeno che ha titubato oltremodo nel rinnovare il suo contratto per un'altra stagione.

Henrikh Mkhitaryan | Silvia Lore/Getty Images
Henrikh Mkhitaryan | Silvia Lore/Getty Images

Dissidi tra i due che risalgono all'esperienza vissuta insieme al Manchester United (dove vinsero l'Europa League). Lo rivela il Corriere dello Sport, spiegando come Mourinho disse che per Mkhitaryan "non c'erano difficoltà tattiche, ma piuttosto non pronto a livello fisico per la Premier League". Parole smentite in seguito dall'armeno che rese pubblici i litigi con lo Special One che lo spinsero a lasciare il Manchester United, ma dicendo anche come tornando indietro non avrebbe lasciato i Red Devils e, anzi, avrebbe rinnovato.

Henrikh Mkhitaryan e Jose Mourinho | Alex Grimm/Getty Images
Henrikh Mkhitaryan e Jose Mourinho | Alex Grimm/Getty Images

Un rinnovo che Mkhitaryan ha poi firmato con la Roma qualche settimana fa, spinto proprio da José Mourinho. I due si sono parlati e hanno anche riso sui vecchi tempi, sancendo un riavvicinamento fondamentale soprattutto per i giallorossi, viste le 15 reti messe a segno dall'armeno nell'ultima stagione.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli