Moggi: "Con Ronaldo in campo la Juve ha vinto gli stessi titoli che vinceva senza di lui. Ma almeno faceva finali"

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

Dura critica di Luciano Moggi a Cristiano Ronaldo. In casa Juventus si continua a discutere sull'apporto del campione portoghese al club bianconero specie dopo l'eliminazione dalla Champions e le 3 reti del giocatore in campionato contro il Cagliari.

Cristiano Ronaldo | Enrico Locci/Getty Images
Cristiano Ronaldo | Enrico Locci/Getty Images

Ecco il pensiero di Moggi sulle colonne di Libero: "Ronaldo, ritenuto da tutti il capro espiatorio, ha voluto dimostrare che lui è un campione da non criticare. Dopo ogni rete col Cagliari ha ritenuto opportuno mettere il dito all’orecchio per far capire ai critici che sbagliano. Cristiano non deve prendersela se qualcuno storce il naso perché lui ha fatto aprire la barriera dal quale è nato il 2-2 che ha dato la qualificazione al Porto: errare è umano".

Prosegue Moggi: "Ero contrario al suo acquisto, solo per il grande onere finanziario che richiedeva la sua venuta a Torino a 34 anni. Ora sarebbe ingiusto non riconoscere la sua classe, ma la gente si deve ritenere anche in diritto di poter contestare le partite in cui ha fatto solo presenza. Si deve poter dire che con lui in campo la Juventus ha vinto gli stessi titoli che vinceva quando CR7 era a Madrid. Prima di lui faceva le finali, ora viene eliminata agli ottavi“.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.