Molesta l'arbitro e il guardalinee, presidente tunisino sospeso a vita

Moncef Khemakhem, presidente dello Sfaxien, è stato squalificato a vita per aver molestato l'arbitro e il guardalinee durante una partita.

Quello che è successo in Tunisia non ha probabilmente nessun precedente nei campionati professionistici di tutto il mondo.

Moncef Khemakhem, presidente dello Sfaxien, è stato squalificato a vita per aver molestato l'arbitro e il guardalinee durante la partita contro l'Etoile du Sahel.

Khemakhem si era vantato di aver pizzicato le natiche al guardalinee e un video pubblicato su Youtube mostra il dirigente mentre morde l'orecchio all'arbitro prima di dargli un bacio sulla guancia.

La Federcalcio tunisina ha deciso dunque di squalificarlo a vita per "comportamento pericoloso e antisportivo, offesa al pudore e violazione della decenza".

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità