Mondiali calcio ogni due anni, Commissione Ue esprime preoccupazione

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 set. (askanews) - La Commissione europea ha espresso preoccupazione per il progetto della Fifa di rendere i Mondiali di calcio un evento biennale. Lo riporta un articolo di Politico.eu.

"Condivido pienamente i dubbi delle Federazioni calcistiche europee nazionali sulla possibilità di una Coppa del Mondo biennale", ha affermato Margaritis Schinas, vice presidente della Commissione europea per la promozione del nostro stile di vita europeo. "L'Europa è l'epicentro mondiale del calcio e abbiamo il dovere di preservare un modello che rispetti l'interesse dei tifosi, il benessere fisico dei giocatori e la logica generale del calendario sportivo globale, non solo gli interessi commerciali", ha aggiunto.

L'intervento di Schinas sarà ripreso anche dai legislatori europei, che attualmente stanno discutendo una relazione sulla politica sportiva dell'Ue. Secondo un emendamento alla relazione del Parlamento, presentato dai legislatori di tutti i gruppi politici del Parlamento, la commissione per la cultura voterà a fine ottobre per invitare le organizzazioni sportive "a rispettare la frequenza stabilita dei tornei sportivi internazionali, in particolare per i Campionati Europei e del Mondo".

Tomasz Frankowski, co-presidente del gruppo sportivo del Parlamento ed ex calciatore professionista, ha dichiarato: "Come ex calciatore, temo che ci sarebbe un serio rischio per la salute dei giocatori, costretti a partecipare a competizioni estive ad alta intensità ogni anno invece di pause di recupero più lunghe ad anni alterni. Questi piani porterebbero all'erosione delle opportunità sportive per le squadre nazionali più deboli sostituendo le partite regolari con le fasi finali", ha aggiunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli