Mondiali Qatar 2022, Gene Gnocchi: "Ottimo spot per basket"

(Adnkronos) - "Le mie prime impressioni sull'esordio dei Mondiali in Qatar? Beh, dal punto di vista dell'appeal tecnico, la prima partita si può usare nelle scuole per invogliare i bambini a darsi al basket". All'Adnkronos Gene Gnocchi commenta così, con il consueto tono dissacrante e divertito, l'inizio dei Mondiali 2022, partito con il match Qatar - Ecuador conclusosi con la vittoria dell'Ecuador per 2-0. "La mascotte dei Mondiali -osserva poi il comico- ci ha consentito di rivalutare quell'obbrobrio che era 'Ciao' di Italia 90. Perché non era pensabile che si potesse fare una cosa più brutta di quella lì, invece ci siamo riusciti".

Sul fronte calciatori, "c'è un problema a livello di agibilità degli stadi -avvisa Gnocchi- perché ogni volta che un calciatore non prende la palla e zappa il terreno trova un giacimento di gas".

Boicottare i Mondiali in Qatar è "una questione aperta, ma è facile dirlo adesso che tutta l'organizzazione è partita. Bisognava pensarci prima: il problema però è che quando ci sono i soldi di mezzo e sono tanti, la gente ci passa sopra". "Forse prima, quando si è pensato di candidare il Qatar, avrebbe avuto un senso esprimere il proprio dissenso - affonda Gnocchi- ma adesso l'appello è decisamente tardivo".

Sulla mancata partecipazione dell'Italia, Gnocchi osserva: "Certo, dispiace che in mezzo a queste squadre diciamo non di alto livello non ci sia l'Italia, perché davvero due Mondiali di seguito senza la nostra Nazionale sono difficili da digerire". E sulla squadra per la quale l'attore tiferà in mancanza degli azzurri, nessun dubbio: "Tiferò Argentina, perché sono un patito di Leo Messi e spero proprio che coronerà la sua carriera con il Mondiale", dice Gnocchi.