Morata: 'Anno difficile, resterei a vita alla Juve ma il calcio è un business e non posso scegliere'

·1 minuto per la lettura

Alvaro Morata, attaccante della Juve, parla ai microfoni di Sky nel post della gara pareggiata con la Fiorentina: “Il gol? Alla fine non si ricorda nessuno come li fai se non portano alla vittoria. Abbiamo avuto la possibilità di farne altri ma non ci siamo riusciti. Abbiamo avuto un atteggiamento migliore nel secondo tempo, ci farà vincere le prossime partite”.

Giocare senza punta è difficile, te ne accorgi che con te la Juve è diversa? “Sono serio perché non mi piace non vincere. Stiamo passando un anno difficile. Non conta chi scende in campo e chi segna ma conta portare a casa risultati e quest’anno è duro e con tante difficoltà. Abbiamo fatto grandissime partite con atteggiamento da Juve. Oggi abbiamo mostrato di avere carattere e siamo andati vicino a vincerla”.

Hai avuto garanzie? Resterai? “Io sono un calciatore professionista e devo dare il massimo finché son qui. Tutti sanno giocherei qui a vita, il calcio è un business e noi non abbiamo sempre possibilità di scegliere. Abbiamo una finale da vincere, sono contento qua e dobbiamo solo puntare a quello”.

Chi passa tra Real e Chelsea? “Mi cambia poco, non ci penso adesso. Con tutto il rispetto. Non ne ho idea e mi brucia vedere la Champions perché dovremmo starci noi là”.