Morata ricorda i tempi del Chelsea: "Non volevo neanche uscire di casa"

Ora è tornato a segnare in serenità con l'Atlético Madrid, ma Alvaro Morata ha vissuto un momento diffcile al Chelsea: "Ho pensato di andarmene".
Ora è tornato a segnare in serenità con l'Atlético Madrid, ma Alvaro Morata ha vissuto un momento diffcile al Chelsea: "Ho pensato di andarmene".

A gennaio Alvaro Morata ha abbracciato la causa dell'Atlético Madrid, ha ritrovato la Spagna e i goal. Ma soprattutto ha trovato la felicità, quella che aveva perso nell'anno e mezzo trascorso al Chelsea, tra difficoltà in campo e sopratutto fuori.

L'attaccante classe 1993 ha raccontato il suo periodo nero a Londra al 'Chiringuito'. Un anno e mezzo iniziato segnando, ma finito male, già a partire dalla seconda parte della stagione 2017/18, in cui ha visto molto meno il campo.

"Non volevo neanche uscire di casa. Non volevo parlare con nessuno e nemmeno incontrare la gente"

Una situazione che è finita per costargli l'addio, dopo un 2018 da dimenticare con pochi goal, poche presenze e ancor meno poca serenità. Tutti fattori che lo hanno anche portato a non essere convocato per il Mondiale di Russia.

"Ho pensato di andarmene per non sentire più la pressione di dover vincere ogni domenica e senza dover essere concentrato partita dopo partita.  Pensavo solo al Mondiale, ma anziché essere felice ero esattamente l'opposto".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...