Moratti a CM: 'Meraviglioso Mancini, hai realizzato l'impossibile. Un pregio lo distingue da tutti. Interspac? Un piacere che lascio ad altri'

·2 minuto per la lettura

Il primo tentativo è caduto nel vuoto, tanta era la voglia di preservare Mancini e il suo gruppo. Tanta era la voglia di non alterare nulla di quel mistico equilibrio. Massimo Moratti, ancora una volta, ha lasciato emergere empatia e gentilezza, il buon senso del gentiluomo: “La mia opinione sul lavoro svolto da Mancini? Volentieri, ma possiamo aspettare la finale? È andato tutto così bene finora che non vorrei essere inopportuno. Ma dopo la finale, volentieri”.

Buongiorno Dottore, l’Europeo è giunto al termine… “E non poteva andare meglio, direi. L’attesa ha pagato (ride, ndr).

Questi ragazzi hanno divertito l'Italia intera e immagino anche lei. “Sono stati esemplari in tutto, costanza, attenzione, ma anche calma e sangue freddo quando sono arrivati ai rigori. Eccezionali”.

È la vittoria di Mancini? “È stato bravissimo, non si è mai risparmiato, ancora di più in questi ultimi mesi. Ha dato a tutti la forza di lottare per qualcosa di incredibile, ha messo in condizione la squadra di credere a un obiettivo che francamente sembrava impossibile, un obiettivo che nessuno poteva considerare seriamente. Mancini non si è limitato a convincere tutti, ha anche creato simpatie attorno a questo gruppo, circondando la Nazionale di pensieri positivi. Ci è riuscito anche grazie al suo atteggiamento”.

Qual è il tratto distintivo di questo allenatore? “A dominare la scena è sempre il suo talento, anche nelle scelte e nelle provocazioni. Adesso diamo tutti per scontato che Mancini punti sui giovani ma di scontato non c’è niente. Era così già all’Inter, perché lui con i ragazzi è bravissimo e la cosa ancora più incredibile sta nel fatto che riesca sempre a capire l’esatto momento in cui puntare su di loro. Sa quando lanciarli, lo sente. Credo sia necessario poter ricorrere al talento anche per saper rischiare e lui rischia quando annusa e riconosce in altri altrettanto talento. Con l’Inter ogni tanto provocava l’avversario buttando dentro qualche ragazzo, che spesso e volentieri risultava decisivo.Adesso è anche migliorato nel rapporto con i calciatori, ha maturato la giusta esperienza ed è diventato il capo assoluto rinunciando a ogni forma di autoritarismo”.

Le sono tornati in mente dolci ricordi ai tempi dell’Inter? “Ho avuto il piacere e la felicità di averlo portato all’Inter. Ricorderò sempre quel suo modo di presentarsi a me con in dono una maglia di lana nerazzurra, di quelle che i calciatori usavano una volta, con lo scudetto cucito sul petto. Mi disse che lo avremmo rivinto insieme e lo scelsi. Mi rimase impresso per quel suo modo di entrare immediatamente nella tradizione della società, con la sua classe”.

È stato anche l’Europeo di Barella. “Aveva già mostrato all’Inter quanto fosse bravo, disputando un grande campionato con un grande allenatore. Aveva l’opportunità di confermarsi e l’ha fatto al meglio”.

Un giorno potremo vederla partecipare all’iniziativa Interspac? “Quando ho deciso di entrare nel calcio, l’ho fatto a piedi uniti. Adesso questo è un piacere che lascio ad altri”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli