Morea: "La Virtus non è solo Teodosic"

·1 minuto per la lettura

In video conferenza con i giornalisti locali il vice allenatore Alberto Morea ha analizzato i temi riguardanti il prossimo match di campionato tra la Happy Casa Brindisi e la Virtus Segafredo Bologna. “Una sfida affascinante contro una squadra dal blasone, storia e presente importante. Non carichiamola di altri significati – spiega il coach biancoazzurro – non è il momento di guardare la classifica anche se certamente i punti fatti finora sono molto importanti. In questo particolare momento è una continua verifica del lavoro settimanale al fine di accumulare quanto più fieno in cascina. Dobbiamo autoalimentarci e continuare per la nostra strada”. Un occhio di riguardo sarà certamente riservato a Milos Teodosic, play serbo della Virtus dal talento sconfinato: “Da appassionato di questo sport vederlo dal vivo è un grande spettacolo, auguro al pubblico brindisino di poter essere presente il 14 marzo al PalaPentassuglia quando sarà nostro avversario. Nei panni di allenatore – continua Alberto Morea – devo dare ai miei giocatori tutte le informazioni per farsi trovare preparati. Lui aggiunge qualcosa in più a una squadra solida e ben assortita: prima per assist totali e seconda per rapporto tra assist e palle perse. Bisognerà difendere di squadra”.