Morte Astori, chiesto il rinvio a giudizio per omicidio colposo

notizie.it
morte Astori
morte Astori

Il 4 marzo 2018 ci lasciava il capitano della Fiorentina. Una morte prematura che ha sconvolto il mondo del calcio. A un anno e mezzo di distanza dal decesso, continuano le indagini su quanto accaduto. Morte Astori, chiesto il rinvio a giudizio per il medico sportivo che ha rilasciato l’idoneità al giocatore.

Morte Astori, le indagini

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Chiesto il rinvio a giudizio per omicidio colposo a carico del medico Giorgio Galanti. Così ha voluto la procura di Firenze. Intanto prosegue l’inchiesta per la morte di Davide Astori. Il medico sportivo è indagato in qualità di ex direttore sanitario del Centro di riferimento di medicina dello sport dell’Azienda ospedaliera universitaria di Careggi. Così informa SkyTg24. Nel luglio 2017, l’esperto certificò l’idoneità sportiva del calciatore. Eppure, all’indomani della morte di Astori, avvenuta nella notte prima della gara di campionato Udinese-Fiorentina, sembrano emergere alcuni problemi. Il 22 ottobre 2019 ci sarà l’udienza preliminare.

Astori è morto a Udine nella camera d’albergo in cui era in ritiro con la squadra viola. Il fascicolo principale aperto dalla Procura di Firenze indaga per omicidio colposo. Un fascicolo parallelo, invece, per un presunto “falso materiale commesso da pubblico ufficiale”. Indagato anche Pietro Amedeo Modesti, nonché direttore della medicina sportiva dell’ospedale Careggi, a Firenze. Nel mirino della procura è finito il referto di un esame, lo “strain”, necessario per accertare la contrattilità e la distensività del muscolo cardiaco.

Intanto i suoi tifosi lo ricordano ogni volta con tanto affetto e immenso orgoglio.

Potrebbe interessarti anche...