Morte Mino Raiola, Pietro Lo Monaco: "L’ho visto crescere, pezzo di me che se va"

(Adnkronos) - "E’ un pezzo di me che se ne va. Quando ero all’Udinese iniziammo insieme un percorso quando lui era un ragazzo facendo ‘tanti colpi’ in Europa del Nord. Per tanto tempo abbiamo lavorato insieme. L’ho visto crescere. La sua scomparsa mi lascia scosso.Mi dispiace moltissimo". Lo afferma all’AdnKronos il dirigente sportivo Pietro Lo Monaco, in merito alla morte di ieri, a 54 anni, del noto procuratore calcistico Mino Raiola. "Alla moglie Debora, ai suoi figli, alla sua famiglia tutta, che conoscevo benissimo - aggiunge Lo Monaco- cui sono vicino con tutto il mio cuore, vanno le mie più sentite condoglianze".

"Posso dire di averlo tenuto a battessimo - aggiunge Pietro Lo Monaco ricordando Raiola- poi lui ha camminato tracciando una strada e diventando uno dei procuratori più influenti nel panorama calcistico europeo dimostrando grandi capacità ‘cavalcando la tigre’, per così dire, nel modo giusto". Pietro Lo Monaco ricorda commosso come "tutti i venerdì andavo ad Amsterdam, lui mi prendeva con la macchina, soggiornavo ad Haarlem, il paese dove lui abitava con i genitori,e da lì ci si muoveva insieme in Olanda, Belgio,Germania a vedere giocatori. Ha cominciato così Mino. Ricordo che lo portai con me ai mondiali under 17 in Egitto.Lui parlava cinque lingue e negli anni ha dimostrato di avere grande valore". "Nel campo dei procuratori - conclude Lo Monaco- ha saputo prendere il meglio per ogni suo giocatore…".

(di Francesco Bianco)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli