Morte Vialli, Gravina: “Speravo in un miracolo, ci lascia una splendida persona”

Getty Images

Addio a Gianluca Vialli: a 58 anni si è spento, in quel di Londra, il campione azzurro che da tempo stava combattendo una lunga battaglia contro la malattia. È un 6 gennaio triste ed amaro, che ancora una volta in pochissimi giorni vede il mondo del calcio in lutto.
Così si è voluto esprimere il presidente della Figc Gabriele Gravina nel ricordare l’amico, l’uomo e il calciatore: “Sono profondamente addolorato, ho sperato fino all’ultimo che riuscisse a compiere un altro miracolo, mi conforta solo la certezza che quello che ha fatto per il calcio italiano e per la maglia azzurra non sarà mai dimenticato. Senza troppi giri di parole perdiamo una persona splendida che lascia un vuoto incolmabile in Nazionale e in tutti coloro che ne hanno apprezzato le straordinarie qualità umane”.