Morto l'ex allenatore di Udinese e Como: aveva il Covid

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Dominissini
Dominissini

Il mondo del calcio piange la scomparsa di Loris Dominissini. L’ex allenatore di Como e Udinese si è spento all’età di 59 anni all’ospedale di San Vito al Tagliamento.

Dominissini, si è spento all’età di 59 anni

L’ex allenatore di Como e Udinese, Loris Dominissini, si è spento all’età di 59 anni all’ospedale di San Vito al Tagliamento. Ricoverato per le conseguenze del Covid, il suo quadro clinico si è ulteriormente aggravato ai primi di maggio. Era stato trasferito dalla Terapia Intensiva Covid dell’ospedale di Udine alla clinica di San Vito al Tagliamento, dove però non è più riuscito a riprendersi. Pur essendo guarito dal virus, che lo aveva colpito alcuni mesi fa, non è riuscito a superare le pesanti conseguenze fisiche.

Dominissini, la carriera

Nato a Udine nel 1961 Loris Dominissini, di ruolo centrocampista, è cresciuto nel settore giovanile del club friulano, con cui ha esordito in serie A nel 1983. Nel corso della sua carriera ha in seguito giocato anche con Triestina, Pordenone, Messina, Pistoiese, Reggiana, Sevegliano e Pro Gorizia. A Reggio Emilia, inoltre, ha trascorso il suo periodo migliore, per ben sette stagioni consecutive, dall’87 al 93, con doppia promozione dalla serie C alla A.

Dominissini, allenatore

Oltre al ruolo di calciatore, Loris Dominissini è stato anche un allenatore. Ha iniziato ad allenare le formazioni Juniores del Como e assumere la guida della prima squadra nel corso della stagione 1999-2000, in Serie C1. Dopo aver ottenuto la salvezza grazie al decimo posto finale, l’anno seguente guida la formazione lombarda al secondo posto finale, riuscendo a conquistare la promozione in Serie B. Nel 2001-2002 riesce a centrare la seconda promozione consecutiva, raggiungendo la Serie A.

Nel corso della sua carriera ha allenato anche di Ascoli, Spezia, Pro Patria, Reggiana e Visé. Dall’11 febbraio al 20 marzo 2006 ha ricoperto l’incarico di allenatore dell’Udinese insieme a Roberto Néstor Sensini, subentrando all’esonerato Serse Cosmi.

Nel dicembre 2006 è ingaggiato dalla Pro Patria, mentre a luglio 2009 viene nominato nuovo allenatore della Reggiana. A settembre del 2011 viene ingaggiato dal Visé, squadra militante nella seconda divisione belga. Il 6 marzo 2014 subentra sulla panchina del Lumignacco, formazione friulana militante nel campionato di Eccellenza. Questa è stata la sua ultima esperienza in panchina.