MotoGP, Rossi: “Mio padre? Sono pilota grazie a lui, ma non voleva smettessi”

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Valentino Rossi
    Valentino Rossi
    Pilota motociclistico e dirigente sportivo italiano
(Photo by Rino Petrosino\Mondadori via Getty Images)
(Photo by Rino Petrosino\Mondadori via Getty Images)"

Per Valentino Rossi sarà il primo anno senza gare in MotoGp. Il nove volte campione del mondo, che si consolerà con le quattro ruote, aveva iniziato a correre seguendo le orme paterne.

“È stato una specie di mito nella mia vita. Sono salito in sella a una moto perché lui era un pilota. Non mi ha mai spinto a diventarlo, ma ha avuto grande influenza su di me. Lo guardavo e mi veniva voglia di guidare”, ha rivelato Valentino al portale tedesco Speedweek parlando di papà Graziano.

GUARDA IL VIDEO - Valentino Rossi, che festa nei box dopo l'ultima gara

La passione della moto è stata trasmessa a Valentino dal papà sin dalla tenera età: "Mio papà è un tipo strano, non è normale. (Ride, ndr). Giocare con lui era correre in moto", ha rivelato al sito tedesco.

LEGGI ANCHE: Paura Valentino Rossi, papà Graziano ricoverato in ospedale: come sta

Sebbene il padre non fosse d’accordo, il Dottore ha deciso di mettere fine alla sua brillante carriera dopo 26 stagioni consecutive: “Mio padre ha messo pressione affinché continuassi a correre. Gli ho fatto notare che ho trascorso 25 dei miei 42 anni gareggiando in moto. Graziano, però, mi ha consigliato di non fermarmi: Cosa vuoi fare quando smetti?”.

Adesso che l'ex pilota Yamaha ha deciso di smettere con il Motomondiale, una nuova avventura lo attende: diventerà papà della bimba che aspetta dalla compagna Francesca Sofia Novello.

GUARDA ANCHE: Valentino Rossi, tutte le donne del Dottore

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli