Moto3, Losail: Suzuki regala al team SIC58 la prima pole del 2020

Giacomo Rauli
motorsport.com

Inizia nel migliore dei modi il Mondiale 2020 di Moto3 per i colori italiani, perché il team SIC58 è riuscito a cogliere una grande pole sul tracciato di Losail, in Qatar, grazie a una super prestazione di Tatsuki Suzuki.

Il pilota giapponese, dopo aver guadagnato il posto in Q2 firmando il secondo tempo in Q1, ha firmato un 2'04"815, un tempo mai fatto sino a oggi, che è servito per cogliere la prima pole della stagione. Suzuki ha fatto appena un tentativo perché a sua disposizione aveva una sola gomma da tempo, ma anche per un problema al serbatoio della sua Honda.

Nonostante queste difficoltà, Suzuki ha comunque portato a casa una pole importante, battendo la prima delle tre KTM che lo seguono in classifica. La prima di queste è di Raul Fernandez e del team Red Bull Ajo, autore di un ultimo giro eccezionale, ma più lento di quello di Suzuki di appena 8 millesimi di secondo.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Molto vicina anche la KTM di Albert Arenas Ovejero, terza e staccata di 110 millesimi di secondo, mentre Darryn Binder aprirà la seconda gila davanti alle due Honda di Ai Ogura e Jaume Masia. Da sottolineare come Arenas, così come Suzuki, sia riuscito a cogliere la prima fila pur passando dalla Q1.

La terza fila sarà aperta dal primo degli italiani in classifica, Andrea Migno, autore di un ultimo tentativo buono che lo ha portato all'interno della Top 10 con la KTM del team Sky VR46. Dietro di lui, più lento di 47 millesimi, c'è un'altra KTM. E' quella del turno Deniz Oncu, fratellino di Can Oncu che al termine dell'anno passato ha lasciato il Motomondiale dopo appena una stagione.

John McPhee è nono davanti al secondo degli italiani in graduatoria, Tony Arbolino, che aprirà così la quarta fila. Per quanto riguarda gli altri italiani, troviamo in 16esima posizione il secondo pilota del team Sky VR46 Celestino Vietti Ramus, mentre Romano Fenati è 18esimo davanti a Dennis Foggia (Team Leopard). 22esimo Stefano Nepa, davanti alle altre due KTM di Riccardo Rossi e Davide Pizzoli.

1

24

Japan
Japan

Tatsuki Suzuki

Honda

4

2'04.815

 

 

155.173

2

25

Spain
Spain

Raul Fernandez

KTM

5

2'04.823

0.008

0.008

155.163

3

75

Spain
Spain

Albert Arenas Ovejero

KTM

5

2'04.925

0.110

0.102

155.037

4

40

South Africa
South Africa

Darryn Binder

KTM

6

2'05.026

0.211

0.101

154.911

5

79

Japan
Japan

Ai Ogura

Honda

6

2'05.065

0.250

0.039

154.863

6

5

Spain
Spain

Jaume Masia

Honda

6

2'05.086

0.271

0.021

154.837

7

16

Italy
Italy

Andrea Migno

KTM

6

2'05.129

0.314

0.043

154.784

8

53

Turkey
Turkey

Deniz Öncü

KTM

5

2'05.176

0.361

0.047

154.726

9

17

United Kingdom
United Kingdom

John McPhee

Honda

6

2'05.242

0.427

0.066

154.644

10

14

Italy
Italy

Tony Arbolino

Honda

6

2'05.327

0.512

0.085

154.539

11

52

Spain
Spain

Jeremy Alcoba

Honda

6

2'05.343

0.528

0.016

154.519

12

27

Japan
Japan

Kaito Toba

KTM

6

2'05.421

0.606

0.078

154.423

13

2

Argentina
Argentina

Gabriel Rodrigo

Honda

4

2'05.512

0.697

0.091

154.311

14

11

Spain
Spain

Sergio Garcia Dols

Honda

6

2'05.586

0.771

0.074

154.221

15

92

Japan
Japan

Yuki Kunii

Honda

6

2'05.843

1.028

0.257

153.906

16

13

Italy
Italy

Celestino Vietti Ramus

KTM

6

2'05.906

1.091

0.063

153.829

17

99

Carlos Tatay

KTM

6

2'06.003

1.188

0.097

153.710

18

55

Italy
Italy

Romano Fenati

Husqvarna

5

2'06.165

1.350

0.162

153.513

Guarda i risultati completi

Potrebbe interessarti anche...