Musso: "All'Udinese sono cresciuto, ora sogno la Champions. Inter miglior club d'Italia"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Quello di Juan Musso è uno dei nomi più chiacchierati del momento. Il portiere argentino, reduce da un'ottima stagione con la maglia dell'Udinese, potrebbe compiere il salto di qualità in una big durante il mercato estivo. Sulle sue tracce ci sono Inter e Roma, ma il pensiero di Musso è rivolto esclusivamente al club friulano. Ecco le dichiarazioni rilasciate dall'estremo difensore ai microfoni di goal.com.

UDINESE - "Rodrigo De Paul me ne ha parlato subito bene, così come altri argentini che ci hanno giocato. Dopo una sola stagione in Argentina, sono stato convinto dall'Udinese, che è una squadra dove puoi crescere, una delle migliori per confrontarti con il calcio europeo e iniziare nel migliore dei modi".

OBIETTIVI - "Ho già detto che la Champions è il mio sogno. Le squadre che giocano in Champions sono grandi, quindi sarei molto contento se arrivasse una buona offerta per me e per l'Udinese. Mi farebbe molto piacere se fossimo tutti contenti e d'accordo, perché quando è così tutti vincono".

Juan Musso | Claudio Villa/Getty Images
Juan Musso | Claudio Villa/Getty Images

LAUTARO - "Ci vediamo molto. L'ho visto crescere nelle giovanili del Racing e siamo stati in prima squadra insieme un po'. Adesso siamo entrambi in A, quindi ogni volta che ci vediamo c'è un bel rapporto. Lui gioca per una grande squadra, l'Inter, la migliore che c'è in Italia. Ha una storia incredibile. Ma non voglio impazzire pensando a un trasferimento. Diciamo che non è che perdo il sonno per queste voci".

PASSIONE PER IL BASKET - "​I miei idoli d'infanzia erano più giocatori NBA che calciatori. Mi piacevano Shaquille O'Neale Kobe Bryant. Ma ho giocato a basket per poco tempo, circa un anno, poi sono andato in porta mentre giocavo a calcio con un amico e ha iniziato a tirarmi addosso. E' andata bene. Mi è piaciuto tutto: volare in aria, tuffarmi sulla palla. Così sono entrato in un club a cui mancava un portiere. Per un periodo ho giocato sia a calcio che a basket, ma il primo mi è sempre piaciuto di più".

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli