Nani svela un retroscena: "Nel 2014 era tutto fatto con la Juventus"

Nani ricorda di essere stato vicinissimo alla Juventus ma il Manchester United bloccò il trasferimento proprio sul gong: "Era tutto fatto"
Nani ricorda di essere stato vicinissimo alla Juventus ma il Manchester United bloccò il trasferimento proprio sul gong: "Era tutto fatto"

Nani poteva essere un giocatore della Juventus. A rivelarlo, intervistato da 'Tribuna Expresso', è il diretto interessato che ricorda come nel 2014 il trasferimento in bianconero fosse praticamente cosa fatta.

A fare saltare tutto fu però il Manchester United che all'ultimo decise di trattenere Nani, salvo scaricarlo pochi mesi dopo con l'arrivo di Van Gaal in panchina.

"Dopo il rinnovo nel 2013 mi sono infortunato, ma nonostante fossero arrivate migliaia di proposte per me, il club pensava che con il rinnovo io sarei rimasto. Giocavano altri calciatori, persino i ragazzini. A quel punto ci ho pensato e ho detto al club che dovevo davvero andarmene. Mentre recuperavo dal mio infortunio, dovevo andare alla Juventus. Era tutto fatto. La Juventus mi voleva, lo United aveva detto di sì, l’allenatore aveva dato il suo ok. E poi all’ultimo minuto, a mercato praticamente chiuso, allo United decidono che non vogliono più fare l’affare e che non mi avrebbero lasciato andare".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

La società peraltro non spiegò a Nani il motivo dell'improvviso dietrofront.

"Ho chiesto loro perché, mi hanno risposto solamente ‘tu resti qui, non te ne vai’. Ero arrabbiato per come erano andate le cose, ma almeno pensavo che volessero tenermi perché ero importante per il club. Poi è arrivato Van Gaal, che ha parlato con me e mi ha detto che doveva fare dei cambiamenti. Quindi, appena ho avuto l’opportunità, sono tornato allo Sporting”.

Nani alla fine sarebbe arrivato in Italia solo qualche anno dopo per vestire la maglia della Lazio, a dire il vero senza troppa fortuna. Oggi invece il portoghese, ormai 33enne, gioca in Major League Soccer con l'Orlando City.

Potrebbe interessarti anche...