Napoli, altri 4 pazienti si risvegliano dopo il farmaco anti-artrite

Yahoo Notizie
(Photo by Salvatore Laporta/KONTROLAB/LightRocket via Getty Images)
(Photo by Salvatore Laporta/KONTROLAB/LightRocket via Getty Images)

Buone notizie dall’ospedale Cotugno di Napoli, dove altri quattro pazienti - riporta Repubblica - sono stati estubati dopo essere stati trattati con Tocilizumab, il farmaco anti-artrite in via di sperimentazione sui pazienti affetti da coronavirus per l’impatto positivo che, fino ad ora, sembra avere sui polmoni dei malati.

Il risveglio dei quattro pazienti è “qualcosa che allarga il cuore, forse come niente altro in questo periodo”, ha commentato il direttore generale dell’Azienda napoletana Ospedaliera dei Colli, Maurizio Di Mauro.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

VIDEO - Coronavirus, i due farmaci della speranza

Vincenzo Montesarchio, infettivologo del Cotugno, ha spiegato che “i quattro pazienti hanno reagito molto bene al farmaco, migliorando nettamente in pochi giorni. Uno ha solo 27 anni: era in terapia intensiva per la polmonite grave, anche se non aveva altre patologie gravi se non l'asma. Ha preso il Tocilizumab il 18 marzo e ora è in ventilazione assistita, sarà trasferito presto in normale degenza COVID-19”.

Gli altri tre pazienti hanno 51, 55 e 56 anni e hanno cominciato la terapia con il Tocilizumab lo scorso 19 marzo. Sono 330 in tutto i malati da coronavirus inseriti nella sperimentazione Aifa in Italia sul farmaco anti-artrite.

VIDEO - Coronavirus, parla il “paziente 1”

Potrebbe interessarti anche...