Napoli-Empoli, le pagelle di CM: Osimhen uomo d'area, Lozano spacca la partita. Crollano Luperto e Marin

Napoli-Empoli 2-0

Napoli

Meret 6: l'unico intervento lo fa al 92' quando dice di no a Bajrami.

Di Lorenzo 7: è davvero instancabile, sovrappone per 90 minuti senza fermarsi mai. Lo fa sempre con enorme pericolosità.

Ostigard 6: nel gioco aereo sono tutte sue. Si becca un giallo nella ripresa quando atterra Satriano in ripartenza.

Kim 6,5: soliti anticipi stampandosi addosso all'uomo, non dà mai spazio a Satriano.

Mario Rui 6: lì dietro si lascia andare a qualche sbavatura, ma quando c'è da spingere lo fa con buona precisione.

Anguissa 6: a Bergamo era uomo ovunque, oggi è un po' più statico e fallisce anche una buona occasione spedendo il pallone alle stelle. Con il passare dei minuti, tuttavia, entra più nel vivo della gara giocando tanti palloni utili.

Lobotka 6,5: con l'uomo attaccato addosso non è facile ma quando si libera accelera sempre la manovra del Napoli (45' s.t. Demme s.v.).

Ndombele 6: lanciato dal primo minuto al posto di Zielinski, ci mette qualità nelle giocate ed è bravo a verticalizzare più volte (19' s.t. Zielinski 7: parte dalla panchina ma fa ugualmente la differenza. Segna un gol pesante, quello del 2-0 che chiude i conti con un bell'inserimento).

Politano 6: si passa quasi sempre dalle sue parti, cerca qualche guizzo e trova giocate interessanti quando viene dentro al campo ma di fronte a lui Parisi fa ottima guardia (19' s.t. Lozano 7,5: cambia la partita. Il rigore nasce da un suo cross teso insidioso e poi realizza lui stesso dal dischetto. Poi anche l'assist per il gol di Zielinski).

Osimhen 6,5: serata non semplice ma alla fine c'è sempre il suo zampino quando in un lampo prende il tempo a Marin che lo atterra in area e regala il rigore al Napoli (45' s.t. Simeone s.v.).

Raspadori 6: sono sue le due vere occasioni del Napoli nel primo tempo. In entrambi i casi non riesce a punire l'Empoli (19' s.t. Elmas 6: è sull'altra fascia che si decide la partita ma lui è bravo a dare fastidio a Stojanovic).

Spalletti 7: non è il Napoli più spettacolare ma sicuramente è tanto concreto. Segnano sia Lozano che Zielinski, i suoi cambi decidono la partita. La prossima vittima nel mirino è l'Udinese, per arrivare alla sosta con un distacco importante sulle inseguitrici.

Empoli

Vicario 6: più volte impreciso con i piedi, pronto quando arriva lo squillo di Raspadori nel primo tempo. Tocca il pallone ma non riesce a parare il suo terzo rigore del campionato.

Stojanovic 6: quando Raspadori parte largo ne limita tanto le giocate, diverso il discorso quando l'ex Sassuolo stringe dentro al campo.

Ismajli 6,5: prova ricca d'attenzione e di fisicità non lasciano mai la profondità a Osimhen.

Luperto 5: fin quando lavora dentro l'area riesce anche a fare bene, ma quando poi deve andare in anticipo lontano dalla zona sicura sbaglia. Infatti viene espulso per somma di ammonizioni: nel primo tempo commette fallo su Osimhen, nella ripresa su Lozano.

Parisi 6: quanta personalità, non ha paura né di subire l'1 contro 1 né di portare palla e spingersi in avanti. Spende tante energie e ne risente quando subentra un freschissimo Lozano.

Haas 6: raddoppia con continuità e scherma gli inserimenti del Napoli (14' s.t. Akpa Akpro 5,5: poca roba lì in mezzo, si abbassa senza riceve).

Marin 5: commette una grossa ingenuità quando si fa soffiare palla da Osimhen in area atterrandolo e concedendo così il rigore che ha cambiato l'inerzia del match (40' s.t. Ekong s.v.).

Bandinelli 6: quando ha spazio si butta dentro e crea fastidio al Napoli (28' s.t. Grassi 5,5: avrebbe potuto dare una mano in più abbassandosi sulla catena di sinistra con Di Lorenzo che si inseriva con una costanza impressionante).

Baldanzi 6: osservato speciale del match, il Napoli lo segue con interesse. Oggi si mette a uomo su Lobotka riuscendo a limitarne i movimenti (28' s.t. Henderson 6: prova ad aiutare i compagni lavorando in interdizione. L'occasione sul finale di Bajrami nasce da un suo pallone conquistato a centrocampo).

Bajrami 6: svaria su tutto il fronte offensivo non dando punti di riferimento e rivelandosi insidioso.

Satriano 5,5: troppo isolato lì davanti, viene schiacciato dalla potenza di Kim e Ostigard (14' s.t. Lammers 6: esce con buona qualità nel finale quando riparte e serve un bell'assist per Bajrami che però non riesce a battere Meret da buona posizione).

Zanetti 6: l'Empoli crolla solo nel finale, ma fa una bella figura al Maradona contro la prima in campionato e una delle più in forma d'Europa. Non piazza il pullman lì dietro e cerca anche di creare qualcosa però il divario tecnico è evidente.