Napoli, Gattuso: "Alleno gente seria, escono fuori cose non vere"

Gennaro Gattuso in conferenza alla vigilia di Lazio-Napoli: "Inizio a vedere la squadra che piace a me, ci servono due-tre risultati positivi".
Gennaro Gattuso in conferenza alla vigilia di Lazio-Napoli: "Inizio a vedere la squadra che piace a me, ci servono due-tre risultati positivi".

La delusione per il ko contro l'Inter è ancora viva ma non c'è tempo da perdere per il Napoli, chiamato a rialzarsi già a partire dal prossimo turno quando incontrerà all'Olimpico una lanciatissima Lazio.

Intervenuto nella conferenza stampa della vigilia, Gennaro Gattuso ha presentato il match.

"Bisogna continuare e commettere meno errori rispetto alle partite con l'Inter e col Parma. La squadra sembrava totalmente diversa, inizia a palleggiare come piace a me. Incontreremo una squadra che fa bene da molti mesi e gioca un buon calcio, come noi all'inizio faticava. Ci servono due-tre risultati per dare continuità. Ospina o Meret? Alex ha commesso un errore come tanti altri ma non è un problema, domani farò le mie scelte. Ho due portieri validi più Karnezis, valutiamo gara dopo gara".

"Ci vuole serenità e tranquillità, non siamo tranquilli e dobbiamo andare alla ricerca di tutto questo. Fabian? Domani vedrete chi scenderà in campo, i giocatori stanno facendo ciò che gli sto chiedendo. Sento parlare di multe e di squadra che non sta sul pezzo, io non regalo niente a nessuno. C'è grande entusiasmo, c'è gente che rimane cinque ore nella struttura per allenarsi. Non vedo tutte queste problematiche, a volte escono fuori cose non vere".

"La Lazio non è solo Immobile, ha giocatori di qualità e fisicità. Non dovremo concedere la profondità limitando i loro pregi e giocando sui loro difetti".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Per il rientro di Koulibaly bisognerà attendere ancora un po' di tempo.

"Koulibaly ha lavorato tre giorni molto bene ma non possiamo permetterci una ricaduta. Abbiamo fatto una risonanza ed abbiamo scoperto che c'è ancora un po' di edema. Non vogliamo rischiare qualcuno che potrebbe rimanere fuori anche per tre mesi, giocherà quando starà bene".

La classifica del Napoli piange e non è accettabile per una squadra dal valore elevato come quella azzurra.

"Mica sto qua a raccontarvi barzellette o bugie, se avessi visto una squadra morta lo avrei detto. Non possiamo pensare di avere una classifica come quella attuale, bisogna mettere i giocatori nella condizione migliore lavorando con entusiasmo in un contesto sereno e tranquillo. Demme? Non parlo di lui perché non è ancora un nostro calciatore, ne parleremo non appena arriverà".

Aggiornamento sulle condizioni di Mertens, assente nell'ultimo incontro con l'Inter.

"Mertens arriverà martedì sera, ora è in Belgio con il fisioterapista della nazionale".

Un elogio a Maurizio Sarri che da queste parti ha lasciato un gran ricordo dal punto di vista sportivo e dei risultati.

"La squadra di Sarri sembrava da Playstation, i giocatori si sono esaltati con questa tipologia di gioco. Dobbiamo migliorare nella continuità di prestazione che deve esserci per tutti i 90-95 minuti. Se fossi convinto che giocare da provinciale ci porterebbe dei risultati lo farei, il problema è che non possiamo farlo".

Il rapporto con il presidente De Laurentiis è sincero e giornaliero.

"Col presidente mi sento tutti i giorni, lui fa domande a me e io le faccio a lui. Ghoulam? Ha fatto i primi dieci giorni spingendo al massimo, ora ha un piccolo problema e ha ricominciato a correre con i preparatori atletici".

Potrebbe interessarti anche...