Napoli, i giocatori a Edoardo De Laurentiis: "Torniamo a casa, dillo a tuo padre"

Il vicepresidente del Napoli, Edoardo De Laurentiis, lancia una frecciata ai giocatori azzurri: "Ci vuole rispetto, la maglia va onorata".
Il vicepresidente del Napoli, Edoardo De Laurentiis, lancia una frecciata ai giocatori azzurri: "Ci vuole rispetto, la maglia va onorata".

Una serata all'apparenza tranquilla si è trasformata in una polveriera per i giocatori del Napoli, protagonisti di una vicenda che non ha precedenti: interrotto volontariamente il ritiro imposto in precedenza dalla società per far fronte alla serie di risultati negativi arrivati in campionato.

Già alla vigilia del match col Salisburgo aleggiava un'aria di tensione, figlia del malumore per una decisione ritenuta non giusta: a partire dal tecnico Carlo Ancelotti che in conferenza non aveva nascosto il proprio dissenso.

Mossa forte e inaspettata che ha vissuto attimi di tensione nello spogliatoio del 'San Paolo', dove Edoardo De Laurentiis è stato informato dalla squadra della decisione di non tornare a Castelvolturno. Questo è il virgolettato riportato da 'La Repubblica'.

"Noi torniamo a casa nostra, dillo pure a tuo padre...".

Il tutto con l'assenza di Aurelio De Laurentiis che aveva già lasciato lo stadio: ai calciatori potrebbe essere comminata una multa, mentre Ancelotti si è diretto verso la sede del ritiro per non rischiare l'esonero. Il Napoli inoltre sarà multato dall'UEFA per non aver presentato alcun tesserato davanti ai microfoni nel post-partita.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...