Napoli, inizia l'era post Insigne: Kvaratskhelia non basta ai tifosi, ecco i profili seguiti

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Negli ultimi dieci anni la fascia sinistra ha avuto un solo ed unico padrone, Lorenzo Insigne. Il capitano del Napoli ieri è sceso in campo per l'ultima volta davanti ai suoi tifosi nello Stadio Maradona. È stata una giornata indimenticabile, tra la celebrazione, gli oltre 50 mila tifosi che cantavano tutti per lui, il giro di campo post partita e le lacrime, le tante lacrime da parte dello stesso giocatore e dei supporters partenopei. L'aspetto emotivo è fondamentale, allo stesso tempo però è importante guardare al futuro, al Napoli che verrà senza Insigne. Perché bisognerà voltare pagina, progettare e farsi trovare pronti per la nuova stagione

IL SOSTITUTO DI INSIGNE - Qualche idea in casa Napoli c'è già per come dovrà essere occupato l'out mancino. La soluzione più immediata e pronta è quella che porta a Hirving Lozano. Al messicano piace partire da sinistra, è un ruolo che conosce molto bene soprattutto con la nazionale e quando c'è stata la possibilità lo ha ricoperto anche con la maglia del Napoli. Spalletti potrebbe lavorare su questa opzione, in attesa che si muova qualcosa sul mercato. A proposito di mercato, la speranza è che il primo acquisto possa esplodere fin da subito. Khvicha Kvaratskhelia, esterno offensivo classe 2001, è il primo colpo già annunciato dal presidente De Laurentiis. Avrà bisogno di tempo per ambientarsi, per conoscere il calcio italiano e quello di Spalletti. Sulla carta, però, ad oggi è il primo innesto per il post Insigne.

OCCHI APERTI SUL MERCATO - Ci sarà tanto da lavorare per Giuntoli e De Laurentiis la prossima estate. Giocatori in scadenza che andranno via, altri in bilico il cui contratto terminerà tra un anno e soprattutto i rinforzi da acquistare. Il Napoli che verrà dovrà essere giovane ma pronto e senza colpi di testa sotto il punto di vista economico, con il tetto ingaggi fissato a 3,5 milioni di euro. Con gli incassi per il terzo posto e la Champions ritrovata la società può tirare il fiato e vedere al mercato con maggior tranquillità. Ai tifosi non basta il solo Kvaratskhelia come innesto lì davanti. Per sostituire uno come Insigne servirà di più, qualche colpo importante. Si seguono ormai da un po' in casa Sassuolo le due opzioni Traoré e Raspadori. Il club neroverde non farà sconti e per un'offerta al di sotto di 30-40 milioni non si siederà a trattare. Restando in Italia piace anche Deulofeu dell'Udinese, che sembrerebbe stuzzicato dall'idea napoletana. In Olanda c'è Luis Sinisterra, sul quale però è forte l'interesse anche del Bayer Leverkusen. Per il momento solo idee e sondaggi, nessun affondo da parte del Napoli che avrà da sistemare prima altri reparti, come quello difensivo (serviranno almeno un terzino sinistro e un difensore centrale), la mediana (vista l'incognita legata soprattutto a Fabián Ruiz). In attesa di capire cosa ne sarà di Osimhen e se arriverà la famosa offerta da almeno 100 milioni di euro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli