Napoli, Insigne e quel goal al Bernabeu: "Non capita tutti i giorni..."

Lorenzo Insigne si racconta in diretta Facebook: "Giocare al San Paolo col Napoli è sempre stato un sogno, facevo il raccattapalle da piccolo".

Il Napoli lo ha premiato pochi giorni fa con l'atteso rinnovo (fino al 2022). Lorenzo Insigne sta vivendo la stagione più esaltante della sua carriera e il club azzurro lo ha scelto, non a caso, come protagonista di una diretta Facebook con i tifosi.

Tanti i temi toccati da Insigne, che innanzitutto mette in fila i goal più importanti realizzati con la maglia del suo Napoli: "Il più bello è stato quello contro il Borussia Dortmund su punizione, i più significativi quelli contro la Fiorentina nella finale di Coppa Italia".

Era il 2014 e la squadra partenopea, allora allenata da Rafa Benitez, vinse il trofeo. Proprio quella sfida viene indicata da Insigne (che rifilò una doppietta ai viola) come una delle tre partite-chiave della sua carriera, assieme a "quella dell'esordio in Serie A contro il Parma e a quella contro il Real Madrid".

Si parla, in particolare, della gara di andata degli ottavi di Champions di quest'anno, in cui Insigne trovò la rete dell'illusorio vantaggio per il Napoli: "Non capita tutti i giorni di segnare al Bernabeu, ho provato tantissime emozioni".

Napoletano di Frattamaggiore, Insigne ricorda con un pizzico di nostalgia il giorno della sua prima a Fuorigrotta: "Esordio con Mazzarri? Fu bellissimo. Giocare al San Paolo col Napoli è sempre stato un sogno per me che arrivavo dalle giovanili, facevo il raccattapalle da piccolo".

Quest'anno Insigne ha stabilito il suo nuovo record di marcature (14) in un singolo campionato con la maglia azzurra, con 7 assist a corredo. A livello realizzativo, fece ancora meglio ai tempi di Foggia (19 reti) e Pescara (18): ma erano altre categorie, e soprattutto era un altro Lorenzo, non certo così maturo come adesso.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità