Juventus, Allegri non fa drammi: "Higuain? Normale che lo fischino"

Per la Juventus arriva l'ora della verità. I bianconeri iniziano un tour de force decisivo per le sorti di campionato, Coppa Italia e Champions League. Si inizia dal primo dei 2 confronti ravvicinati al San Paolo contro il Napoli di Sarri, desideroso di rivalsa dopo le due sconfitte consecutive stagionali a Torino.

Il tecnico Massimiliano Allegri dovrà far fronte ai problemi di formazione, in particolar modo per l'attacco, vista l'assenza di Pjaca per infortunio e i dubbi relativi a Dybala e Mandzukic. "I giocatori sono rientrati tutti. Dybala si è allenato a parte, Mandzukic in parte con la squadra, in parte no. - ha dichiarato il tecnico bianconero in conferenza stampa - Oggi c'è l'ultimo allenamento e dopo deciderò chi andrà in campo al San Paolo".

"Dybala ha fatto pochi allenamenti, - ha aggiunto - sicuramente non è nella condizione ottimale e vanno considerati vari aspetti. Mandzukic ha un problema con un'infiammazione al ginocchio. Oggi valuterò". Incertezza anche sul modulo, ma Max assicura: "Abbiamo Cuadrado e altri giocatori che stanno bene e ci consentono di non cambiare".

Sicuramente non ci sarà Pjaca, per il quale la stagione è già finita. "Voglio fargli un grande in bocca al lupo, - ha detto Allegri - è stato davvero sfortunato". 

Il tecnico bianconero è consapevole che per Madama inizia un ciclo di partite decisive: "Domani - ha affermato - ci sono 3 punti in palio verso lo Scudetto, mercoledì una qualificazione importante da conquistare. Al Barcellona penseremo più avanti: ora pensiamo al Napoli, senza perdere concentrazione. Ad aprile ci giochiamo una fetta importante di campionato, la Coppa Italia e l'avanzamento in Champions League".

"Napoli-Juve - ha ammonito Allegri - è un test importante, anche per prepararci in vista delle partite future. Attraverso Napoli può passare per noi la conquista della Serie A. Perché la Roma ha il potenziale per fare 92 punti, il Napoli 90, stanno facendo un bellissimo campionato, quindi per vincerlo dovremmo conquistare ancora diverse vittorie".

Allegri su Higuain PS ita

Per il 'Pipita' Higuain è attesa un'accoglienza polemica da parte dei tifosi partenopei: "Ha fatto una scelta professionale e va rispettato. - ha ammonito Allegri - È normale che i tifosi napoletani prima lo applaudano e poi lo fischino, ma è sereno e ha lavorato bene in settimana".

Quindi sul modo di affrontare la partita con i partenopei: "Dobbiamo giocare sereni ed essere 'belli come il sole'. - ha affermato il tecnico livornese - Il Napoli gioca molto bene, c'è Callejòn che sa essere micidiale quando è vicino all'area di rigore. Dovremo fare una gran partita per 95 minuti, sapendo di dover affrontare una grande squadra".

"Tutto il mondo - ha sottolineato Allegri - guarderà Napoli-Juve, sono sicuro che i tifosi azzurri dimostreranno grande correttezza. E' una partita importante, sia per noi che per loro. Una gara bellissima".

Nessuna indicazione sul versante rinnovo: "Con la società non ci siamo ancora incontrati. - ha assicurato il tecnico bianconero - Ci siamo presi un po' di vacanza, anche perché, tra l'altro è un periodo molto intenso, e ora ne abbiamo un altro intenso. Avremo il tempo per farlo tranquillamente e serenamente".

Infine sulla Panchina d'Oro, che lo ha visto 2° dietro a Maurizio Sarri: "Se l'è meritata, - ha sostenuto Allegri - facendo un gran lavoro con Empoli e Napoli. Io, se ricordo bene, ho votato Di Francesco del Sassuolo".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità