Napoli, Koulibaly può dire addio: da Senesi a Kim, tutti i nomi per il futuro

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Le parole di Koulibaly dal ritiro con il Senegal non fanno dormire sonni tranquilli ai tifosi del Napoli. "Dove giocherò in futuro? Ancora non lo so. Non voglio mentirvi, per cui dico che vedremo nei prossimi giorni". Nessuna certezza dell'addio, ma allo stesso tempo nessuna conferma di permanenza. Il futuro di Koulibaly è in bilico, il suo contratto scadrà tra un anno (giugno 2023) e con il Napoli non c'è l'accordo per il rinnovo. Attualmente il giocatore percepisce 6 milioni di euro l'anno, De Laurentiis è disposto ad offrirgli un nuovo contratto con un ingaggio al ribasso. Ma non è proprio nei piani di Koulibaly, che alla sua ultima firma importante della carriera (tra un mese compirà 31 anni) vuole una grande chance in un top club o almeno restare in azzurro per le stesse cifre. Quest'ultima ipotesi difficilmente accadrà dato che il Napoli ha bisogno di ridurre il tetto ingaggi tagliando quanto più possibile. La rivoluzione è già iniziata e il ds Giuntoli si sta muovendo in maniera molto attiva sul mercato. Kvaratskhelia e Olivera i due colpi già annunciati, ora si lavora per arrivare quanto prima a Ostigard del Brighton (andrebbe a sostituire Tuanzebe, che non ha convinto).

IL DOPO KOULIBALY - Il Napoli comunque riflette, Koulibaly potrebbe partire anche il prossimo anno andando via a parametro zero o firmare il rinnovo a stagione in corso. Ma una cessione già in questa sessione di mercato è uno scenario da prendere in considerazione. Difficile da sostituire, ma in un modo bisognerà pur andare avanti. Il nome più forte in Serie A è quello di Bremer. Può rappresentare il giusto erede, ma è vero che il costo del cartellino non sarà troppo agevole per i piani economici di De Laurentiis.

OBIETTIVO SENESI - Sul taccuino di Giuntoli ci è finito ormai da tempo Marcos Senesi. Il difensore italo-argentino si è messo in mostra ancor di più quest'anno arrivando in finale di Conference League con il Feyenoord. Per meno di 15-20 milioni sarà praticamente impossibile strapparlo al club olandese, ma un investimento sarà sicuramente fatto per sopperire, eventualmente, ad una partenza "pesante" come quella di Koulibaly.

LUCUMÌ E KIM - Chiaramente non esiste un solo obiettivo, diversi sondaggi ne sono stati fatti. In primis per Jhon Lucumì, difensore classe '98 del Genk. Proprio da dove arrivò Koulibaly otto anni fa. Il Napoli ha sondato il terreno per capirne la fattibilità. Il giocatore non è più incedibile come un anno fa, ma potrebbe nascere la concorrenza dell'Atalanta, che tiene i fari puntati sul colombiano. Un vecchio pallino di Giuntoli è Kim Min-jae, sudcoreano classe '96 in forza al Fenerbahce. Ci aveva già provato a gennaio, quando con la partenza di Manolas il Napoli cercava un nuovo innesto, ma alla fine la scelta è ricaduta su Tuanzebe. Chissà che non possa essere la volta giusta.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli