Napoli, Manolas vuole l'Olympiacos: ancora distanza con i greci, due sostituti nel mirino

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·3 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Sono tanti i dubbi in casa Napoli. Gli incassi nettamente ridotti a causa della pandemia e la mancata qualificazione in Champions nelle ultime due stagioni hanno portato inevitabilmente De Laurentiis a fare un passo indietro per regolarizzare quanto possibile i conti. Proprio per questo il mercato azzurro non è ancora decollato e soprattutto lo stesso presidente azzurro ha dichiarato apertamente che nessuno è incedibile, anche i giocatori più rappresentativi. Così ecco che i Koulibaly e Fabián Ruiz non hanno mai avuto la certezza della permanenza, così come il rinnovo di Insigne non è arrivato. Ora è il momento di Manolas che dopo due stagioni con la maglia del Napoli potrebbe dire addio.

L'OLYMPIACOS - Manolas ha voglia di tornare a casa, lì all'Olympiacos dove è esploso calcisticamente prima di approdare alla Roma nel 2014. Il giocatore sarebbe disposto anche a ridursi l'ingaggio pur di giocare nuovamente in Grecia. Il club di Pireo ha iniziato a parlare con lui proponendogli un quinquennale e ha avuto colloqui sia con Mino Raiola - l'agente - che con il Napoli, anche se non c'è ancora una trattativa avviata.

IL NAPOLI - Dalla sua il Napoli non ha intenzione di svendere il calciatore e serviranno circa 15 milioni di euro per portarlo via. Qualora dovesse arrivare una cifra interessante la società partenopea non farebbe troppa resistenza perché con la cessione di Manolas si libererebbe di un ingaggio importante dato che percepisce quasi 4,5 milioni di euro a stagione.

LO SCAMBIO - Considerando queste cifre c'è da guardare la politica societaria dell'Olympiacos: l'investimento più importante degli ultimi anni da parte dei greci è stato l'acquisto di Daniel Pondence dallo Sporting, costato 7 milioni di euro. Ben distante dalle richieste del Napoli, appare così difficile pensare ad un esborso di circa 15 milioni di euro da parte dei greci. Per il Napoli potrebbe anche esserci la possibilità di fare di necessità virtù. In mediana c'è ancora bisogno di un innesto e proprio in casa Olympiacos sono finiti gli occhi del direttore sportivo Cristiano Giuntoli. Al Napoli piace Mady Camara, centrocampista guineano in forza ai biancorossi. Un accordo potrebbe trovarsi inserendo proprio questa contropartita, ma va sempre trovato l'accordo giusto dato che non è i greci vorrebbero far cassa.

LE ALTERNATIVE - Con l'eventuale cessione di Manolas il Napoli dovrà intervenire sul mercato. Difficile pensare che resterebbe così, puntando sulla coppia di centrali Koulibaly-Rrahmani e Juan Jesus come prima alternativa. Soprattutto considerando che a gennaio il senegalese sarà fuori per un mese circa causa Coppa d'Africa. Così bisognerebbe trovare immediatamente un sostituto. C'è il nome di Rugani in cima alla lista per sostituire l'ex Roma. Il difensore della Juventus percepisce 3 milioni di euro netti a stagione, sarebbe sicuramente un alleggerimento rispetto ai 4,5 di Manolas. Rugani accetterebbe il trasferimento a Napoli con l'obiettivo di giocarsi le proprie carte visti gli spazi chiusi con Allegri a Torino. L'operazione prevederebbe un prestito oneroso con obbligo di riscatto. Un'altra soluzione porterebbe a Marcos Senesi, seguito da tempo dal Napoli. Per lui ci sarebbe un investimento importante da fare, il Feyenoord per meno di 20 milioni di euro non è disposto a cedere. Tutto passerà prima dal futuro di Manolas che ha voglia di un ritorno all'Olympiacos, ma di offerte ufficiali ancora non ce ne sono state.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli