Napoli 'tradita', Cavani ci è passato: "Fu terribile, ma Higuain è diverso..."

A Napoli attendono il ritorno al San Paolo di Higuain per riservargli un'accoglienza da 'traditore'. Cavani e Quagliarella ci sono già passati...

Domenica sera l'attesa sfida fra Napoli e Juventus sarà anche il ritorno al San Paolo di Gonzalo Higuain, attesissimo dai tifosi partenopei, che non vedono l'ora di riversargli addosso tutta la loro rabbia per quello che da loro viene ritenuto un vero e proprio tradimento: lasciare il club azzurro per vestire l'odiata maglia bianconera. Nella storia del Napoli Higuain non è stato certo l'unico calciatore che dopo essere stato elevato dai tifosi allo status di idolo ha poi scelto una strada diversa, venendo successivamente accolto al San Paolo non certo da amico.

Uno di questi è stato Edinson Cavani. Il bomber uruguaiano nel luglio 2013 venne acquistato dal Paris Saint-Germain, che pagò la clausola rescissoria di 60 milioni di euro. Un anno dopo tornò al San Paolo da avversario, per un match amichevole, e venne accolto da una valanga di fischi.

"Fu terribile, ero io a sentirmi tradito - ha affermato Cavani al 'Corriere della Sera' - Ho amato e amo Napoli, i miei figli vivono ancora lì. Non riuscivo a spiegarmi il perché di quell'ostilità così forte. Certo, non aspettavo fiori e applausi ma ricordo che salendo le scale per andare in campo ero emozionato. Fu una doccia gelata. In cuor mio però ho sempre saputo che erano fischi d'amore, sentivo che erano in tanti a volermi ancora bene. Credo che anche a Higuain dispiacerà ascoltare i fischi, ma la situazione è diversa. E' passato alla Juventus, per Napoli è uno smacco. Lui lo sa e a differenza mia sarà preparato".

Anche Fabio Quagliarella ha percorso la stessa strada di Higuain: dal Napoli alla Juventus. L'attaccante, oggi alla Sampdoria, è anche campano di nascita il che ha reso tutto ancora più 'grave' agli occhi dei tifosi partenopei. "La prima da ex fu terribile - ha ricordato Quagliarella - Avevo la mia gente contro, dal punto di vista emotivo fu traumatico. Con la maglia del Torino ho battuto un rigore sotto una curva arrabbiatissima. Higuain? Non credo che il San Paolo ostile gli faccia chissà quale effetto. Non è nato lì".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità