Nba, Gobert positivo, l'Nba sospende la stagione

Adx
Askanews

Roma, 12 mar. (askanews) - Primo giocatore con il coronavirus anche in Nba: si tratta di Rudy Gubert di Utah. La positività del francese, arrivata un paio d'ore prima della palla a due, ha fatto subito rinviare la partita tra Jazz e Thunder nella quale era coinvolto anche Danilo Gallinari con la gente che era già sugli spalti e la Nba ha deciso di sospendere l'intera regular season. Il lungo non era presente alla Chesapeake Energy Arena perché già in quarantena preventiva. Anche OKC in isolamento.

Alle 2.30 ora italiana arriva il comunicato ufficiale dell'Nba che ferma la stagione 2019-20. Un momento triste e storico, l'11 marzo 2020, giorno che verrà ricordato per tanto tempo. Per le ragioni sbagliate. Il comunicato è breve, laconico. Il titolo dice tutto: "L'NBA sospende la stagione dopo le partite della notte". Prosegue poi così: "L'NBA annuncia che un giocatore degli Utah Jazz è risultato positivo in modo preliminare al COVID-19. Il risultato del test è stato rivelato poco prima della palla a due tra Oklahoma City e Utah Jazz, alla Chesapeake Arena. A quel punto, la gara è stata cancellata. Il giocatore affetto dalla patologia non era nell'Arena. L'NBA sospende la stagione a conclusione delle partite della notte in calendario sino ad ulteriore aggiornamento. L'NBA utilizzerà questa pausa per valutare i prossimi passi da intraprendere in relazione alla pandemia Coronavirus".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...