Nedved: 'Allegri? C'era abitudine dopo 5 anni. Locatelli? L'abbiamo lasciato tranquillo, c'è tempo. Ronaldo? Nessun segnale di un addio. Sarri ha ragione...'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Presente alla cerimonia dei sorteggi dei calendari della Serie A 2021-2022, il vicepresidente della Juventus Pavel Nedved ha così presentato la nuova stagione.

UDINESE - "Ci piace il campo di Udine (dove la Juve giocherà la prima giornata di campionato, ndr) ma sappiamo che si deve sempre soffrire. L'ultima partita l'ha risolta Cristiano Ronaldo negli ultimi 5 minuti. Un campo difficile per la prima partita, ma come dice il nostro allenatore Max Allegri dobbiamo affrontarle tutte."

ALLEGRI - "C'è stata una certa abitudine con lui per cinque anni, poi è andato due anni a farsi una piccola vacanza ma ora è ritornato bello carico, l'ho visto con tutto il suo staff".

SARRI - "Da noi si è trovato e ha trovato una squadra forte. Credo che sia anche riuscito a fare il suo calcio perché ha vinto uno scudetto. E vincere è una cosa da pochi e alla Juve non è mai facile. Io sono stato molto contendo di Maurizio e ci siamo trovati bene entrambi. Poi abbiamo deciso di separare le nostre strade dopo tante valutazioni che si fanno a fine stagione. Auguro a Maurizio di trovarsi alla Lazio come me, io mi sono trovato molto bene".

FESTEGGIATO POCO IL SUO SCUDETTO? - "Maurizio ha detto che non si è festeggiato uno scudetto e abbiamo festeggiato il 4° posto? Credo sia vero, quello scudetto l'abbiamo festeggiato molto poco, perché forse è arrivato con naturalità perché avevamo vinto già tanto. Ci sentivamo molto scarichi e per questo abbiamo deciso di separare le nostre strade per cercare di ottenere delle motivazioni in più. Ci abbiamo provato con Pirlo e sì, dopo un'annata complicata abbiamo festeggiato forse di più per le tante sofferenze".

LOCATELLI - "Abbiamo lasciato il ragazzo tranquillo durante l'Europeo. È un giocatore del Sassuolo e ci sarà tempo per affrontare il discorso".

BONUCCI E CHIELLINI - "Sono rimasto impressionato dall'Italia. Se c'era una squadra che meritava di vincere questo Europeo era proprio l'Italia. Mi ha trasmesso grosse emozioni anche se non sono italiano".

RONALDO - "Cristiano è in vacanza. Non abbiamo dal suo entourage nessun riscontro che vuole andare via. Lo aspetteremo e intorno al 25 di luglio tornerà come da programma".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli