Nello Furlan è morto a causa del Covid: addio all'ex calciatore

·2 minuto per la lettura
Nello Furlan
Nello Furlan

Sabato, 15 gennaio 2022, è venuto a mancare l’ex calciatore Nello Furlan. Bomber tra dilettanti e professionisti, si è spento all’età di 75 anni a causa del famigerato Covid-19. Furlan non era vaccinato.

Morto l’ex calciatore Nello Furlan

Nello Furlan non era però un no vax, uno di quelli che aveva rifiutato il vaccino e lo gridava in piazza. L’ex calciatore si sarebbe volentieri vaccinato, ma a causa di motivi di salute, apparteneva alla categoria di coloro che erano esenti dal vaccino. Purtroppo però Furlan ha contratto il Covid-19 e gli è stato fatale. Due mesi fa era anche stato ricoverato all’ospedale di Treviso.

Nello Furlan e quel “no” alla Juventus

Il “no“, costretto da motivi medici, al vaccino, non è stato l’unico rifiuto importante della vita di Nello Furlan. Prima del suo ritiro, Furlan, è stato uno stimatissimo giocatore di calcio, che militò tra squadre di dilettanti e di categorie superiori. All’attivo aveva oltre 200 goal. Nel 1961, la Juventus, mise gli occhi su Furlan e voleva averlo in squadra. Nonostante l’ex calciatore fosse al settimo cielo, si trovò costretto a rinunciare alla Juve, che sicuramente gli avrebbe cambiato la carriera e la vita. Il motivo? La morte del padre. Nello Furlan, decise di rimanere accanto alla sua famiglia per dare una mano economicamente ed affettivamente.

I funerali di Nello Furlan

L’ex bomber proseguì poi la sua carriera tra i club dilettanti, facendo la storia di questa categoria del calcio italiano. Nello Furlan, come si apprende dal Corriere del Veneto, una volta ritiratosi dall’attività agonistica, decise di fare l’agente di commercio occupandosi del settore del mobile. I funerali di Furlan si svolgeranno giovedì 20 gennaio 2022 alle ore 15:00, nel Duomo di Portobuffolè, in provincia di Treviso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli