Nessuno in Europa ha bruciato più soldi di Inter e Milan: quasi 1 milardo in costi, la Juve 'solo' 417 milioni

Un'analisi importante è stata realizzata in questi giorni da Swiss Ramble che, sfruttando i dati pubblicati da Deloitte, ha stabilito la classifica dei club che più di tutti dal 2011 al 2021 hanno costretto i propri soci a 'bruciare' denaro (tenendo conto soltanto dei soldi spesi per ripianare perdite). E in vetta a questa triste classifica con costi stratosferici e spropositati ci sono due dei nostri tre top club (tutti e tre in top 10 in ogni caso): Inter e Milan che distaccano e di molto il Chelsea che si ferma sul gradino più basso del podio.

L'INTER HA BRUCIATO 1 MILIARDO - L'Inter che parte da Moratti, passa per Thohir e infine ora è sotto il controllo di Zhang e Suning ha costretto i propri soci a versare nelle casse del club 997 milioni di euro, quasi 1 miliardo, più o meno 100 milioni all'anno, in aumenti di capitale, versamenti in conto capitale o prestiti soci. Basti pensare che la famiglia Zhang dal 2015 a oggi ha versato 553 milioni di euro, più di quanto Moratti e Thohir insieme (175 il primo, 275 il secondo) avevano fatto nei 5 anni precedenti.

MILAN POCO DIETRO - Poco distante c'è il Milan che si ferma a quota 915 milioni di euro, ma che ha avuto un'autentica impennata dal 2018 in avanti, praticamente con l'inserimento di Elliott al posto di Yonghong Li. Il fondo Usa per ripianare le perdite di 10 anni di bilancio costantemente in rosso e mai in attivo è arrivato a pompare, riporta Repubblica, 658,8 milioni.

JUVE LONTANA, MA... - Meglio ha fatto la Juventus che si piazza al settimo posto con 417 milioni. Il club bianconero dal 2014 al 2017 era riuscita a vincere e tenere i conti sotto controllo, ma dal 2018 in poi, con l'operazione Ronaldo, ha iniziato ad accumulare perdite per 318 milioni che hanno costretto Exor a due aumenti di capitale consecutivi e con il secondo da 400 milioni che non ricade in questo calcolo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli