Neymar bannato da Twitch: l'asso brasiliano spiega il perché

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

Sul web e sui social, spesso, anche i vip vengono trattati come persone comuni. La dimostrazione arriva da Neymar, asso del Paris Saint-Germain e della Nazionale brasiliana, che è stato di recente bannato dalla piattaforma di streaming Twitch per aver violato le regole.

Quando un utente prova ad accedere alla pagina di Neymar, compare infatti il messaggio “Spiacenti. A meno che tu non abbia una macchina del tempo, questo contenuto non è disponibile”.

Inizialmente la causa non era nota, ma si pensava che anche lui, come tanti altri streamer nell'ultimo periodo, fosse caduto vittima della violazione del copyright musicale. Twitch ha infatti introdotto delle restrizioni sui contenuti protetti, tra i quali brani e canzoni, aumentando il numero di utenti (anche influencer) bannati. Il caso più eclatante, forse, è stato quello di Felipe “YoDa”, tra gli streamer brasiliani maggiormente seguito.

Invece, è stato lo stesso Neymar, attraverso il suo profilo Instagram, a spiegare la causa di questa sanzione nei suoi confronti. Durante una diretta su Twitch di qualche giorno fa, “O Ney” ha ricevuto una telefonata da parte del connazionale Richarlison, attaccante dell'Everton. Nel rendere partecipi i suoi follower, però, Neymar ha accidentalmente mostrato il numero di telefono dell'amico, che è stato inondato di circa 10mila messaggi nel giro di poche ore. Un'azione ritenuta scorretta da parte della piattaforma, che ha subito provveduto a bloccare il profilo del numero 10 brasiliano.

Sfruttando la sua fama, Neymar si stava creando un proprio seguito su Twitch. Le sue dirette, in cui si dilettava a giocare con i suoi amici ad Among Us o a CS: GO (Counter-Strike: Global Offensive), erano arrivate a quasi 200mila spettatori.